giovedì 08 dicembre | 07:22
pubblicato il 11/gen/2014 11:29

Imprese: Cgia, dalla Tasi un costo di almeno 1 mld di euro

Imprese: Cgia, dalla Tasi un costo di almeno 1 mld di euro

(ASCA) - Roma, 11 gen 2014 - ''Se non e' una stangata poco ci manca''. Secondo un'elaborazione realizzata dall'Ufficio studi della Cgia di Mestre, l'introduzione della Tasi (il nuovo tributo sui servizi indivisibili) costera' al mondo delle imprese almeno un miliardo di euro. La cifra, che l'Associazione imprenditoriale ritiene addirittura sottostimata, e' stata calcolata applicando l'aliquota base dell'1 per mille. ''Vista la difficolta' economica in cui versano i Comuni - segnala il segretario dell'associazione, Giuseppe Bortolussi - e' molto probabile che l'aliquota che verra' applicata su negozi, uffici e capannoni sara' ben superiore all'aliquota standard, pertanto e' quasi certo che l'aumento sara' superiore al miliardo di euro da noi inizialmente stimato''.

A tal proposito, l'Ufficio studi ha elaborato anche una seconda ipotesi utilizzando l'aliquota del 2,07 per mille.

''In questa seconda ipotesi - prosegue Bortolussi - l'aumento potrebbe superare addirittura i 2 miliardi di euro. E' chiaro che ci troviamo di fronte ad una ipotesi estrema che difficilmente si verifichera'''. La Cgia sottolinea che la Tasi assorbira' la maggiorazione Tares pagata nel 2013 (vale a dire lo 0,30 euro al metro quadrato). Secondo le stime redatte dal ministero dell'Economia, il gettito complessivo della maggiorazione dovrebbe essere pari a 1 miliardo di euro. ''Stornando'' la parte riconducibile agli immobili ad uso abitativo, quella ascrivibile agli immobili ad uso produttivo dovrebbe valere qualche centinaia di milioni di euro che, pertanto, devono essere sottratti all'aggravio provocato dall'introduzione della Tasi. ''Ancora una volta - conclude Bortolussi - le modifiche apportate sulla tassazione degli immobili rischiano di accrescere ulteriormente il peso fiscale sulle imprese.

Ricordo che il passaggio dall'Ici all'Imu ha visto raddoppiare i costi per i proprietari dei capannoni, con punte che in alcuni casi hanno toccato anche il 154%. Con la Tasi all'1 per mille, l'aggravio su quelli accatastati con la lettera D sara' di 649 milioni di euro. Una cifra imponente che rischia di mettere in ginocchio molte attivita', soprattutto quelle di piccola dimensione''. com-drc/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni