domenica 26 febbraio | 11:04
pubblicato il 03/giu/2016 13:13

Imprese, Boccia: basta aziende patriarcali, serve innovazione

"Con investimenti da finanza e contratti di secondo livello"

Imprese, Boccia: basta aziende patriarcali, serve innovazione

Trento, 3 giu. (askanews) - Il sistema imprenditoriale italiano deve abbandonare il modello "patriarcale" del passato per puntare sull'innovazione. Lo ha affermato il neopresidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, secondo cui "dobbiamo passare da 'imprese patriarcali' a 'imprese istituzioni'. Perchè quando invitiamo la finanza e i fondi a investire nelle aziende quella è innovazione, la contrattazione di secondo livello aziendale è innovazione, così come la tecnologia".

"Dobbiamo costruire - ha spiegato Boccia in un video-intervento al Festival dell'economia - un sentiero che agevoli i percorsi di innovazione delle imprese, stimolare i contratti di secondo livello aziendale per lo scambio tra salari e produttività".

"L'innovazione - ha aggiunto il numero uno degli industriali - è un fatto positivo che non genera conflitto ma concorrenza, anche se è evidente che le aziende più innovative vanno più avanti. Serve un'operazione quantitativamente rilevante per spingere il maggior numero di imprese a fare questo salto in avanti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech