giovedì 08 dicembre | 07:51
pubblicato il 15/mag/2014 12:26

Immobiliare: barometro CRIF, ad aprile ripresa domanda mutui a +12,6

(ASCA) - Roma, 15 mag 2014 - Il mese di aprile appena concluso ha fatto nuovamente registrare un segno positivo nella domanda di mutui da parte delle famiglie italiane, con un +12,6% rispetto allo stesso mese del 2013. Il trend positivo, iniziato con l'inversione di tendenza dello scorso luglio, si e' ulteriormente consolidato nei primi quattro mesi del 2014, che hanno fatto registrare complessivamente una variazione del +10,4% rispetto al pari periodo 2013. Lo evidenzia l'analisi relativa alle domande di mutui raccolte dagli istituti di credito e contribuite in EURISC, il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF che raccoglie i dati relativi ad oltre 77 milioni di posizioni creditizie. Le variazioni rispetto allo stesso mese dell'anno precedente sono indicate in valori ponderati, cioe' al netto dell'effetto prodotto dal differente numero di giorni lavorativi. Per quanto consistente, sottolinea il rapporto, il rimbalzo del numero delle richieste tuttavia non e' sufficiente a colmare il pesante ritardo accumulato nel biennio precedente, che aveva portato i volumi a dimezzarsi.

Nonostante la ripresa della domanda di finanziamenti per l'acquisto della casa si stia consolidando, l'importo medio richiesto si e' attestato nel mese di aprile a 124.812 euro, mantenendosi su un valore piu' contenuto rispetto al corrispondente mese dello scorso anno (quando era stato pari a 128.146 euro) e nettamente inferiore ai 140.942 euro dell'aprile 2010, quando venne toccato il picco degli ultimi 5 anni. Questa dinamica e' rafforzata anche dall'analisi di CRIF sulla distribuzione per fasce di importo richiesto: nei primi quattro mesi del 2014 le domande da parte delle famiglie italiane si sono nuovamente concentrate in prevalenza sotto i 75.000 euro (con una quota in crescita rispetto al 2013 di 2,3 punti percentuali) e nella fascia compresa tra i 100.000 e i 150.000 euro, entrambe con una quota pari al 28,5% del totale. Per quanto riguarda la distribuzione della domanda di mutui per durata, invece, la classe compresa tra i 25 e i 30 anni continua a essere la preferita dalle famiglie italiane, con una quota del 28,1% del totale, seguita dalla fascia tra i 15 e i 20 anni, con il 22,3%. ''Nel complesso, il dato relativo al ridimensionamento dell'importo medio unitamente all'allungamento dei piani di rimborso denota la tendenza da parte dei richiedenti a privilegiare soluzioni per le quali il peso della rata possa gravare il meno possibile sul reddito familiare - commenta Simone Capecchi, Direttore Sales & Marketing di CRIF -.

D'altro canto, le famiglie italiane si trovano ancora in una situazione di vulnerabilita', con un mercato del lavoro che sconta tassi di disoccupazione elevati e la contrazione dei redditi disponibili''.

red-gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni