martedì 24 gennaio | 10:41
pubblicato il 15/mag/2014 12:26

Immobiliare: barometro CRIF, ad aprile ripresa domanda mutui a +12,6

(ASCA) - Roma, 15 mag 2014 - Il mese di aprile appena concluso ha fatto nuovamente registrare un segno positivo nella domanda di mutui da parte delle famiglie italiane, con un +12,6% rispetto allo stesso mese del 2013. Il trend positivo, iniziato con l'inversione di tendenza dello scorso luglio, si e' ulteriormente consolidato nei primi quattro mesi del 2014, che hanno fatto registrare complessivamente una variazione del +10,4% rispetto al pari periodo 2013. Lo evidenzia l'analisi relativa alle domande di mutui raccolte dagli istituti di credito e contribuite in EURISC, il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF che raccoglie i dati relativi ad oltre 77 milioni di posizioni creditizie. Le variazioni rispetto allo stesso mese dell'anno precedente sono indicate in valori ponderati, cioe' al netto dell'effetto prodotto dal differente numero di giorni lavorativi. Per quanto consistente, sottolinea il rapporto, il rimbalzo del numero delle richieste tuttavia non e' sufficiente a colmare il pesante ritardo accumulato nel biennio precedente, che aveva portato i volumi a dimezzarsi.

Nonostante la ripresa della domanda di finanziamenti per l'acquisto della casa si stia consolidando, l'importo medio richiesto si e' attestato nel mese di aprile a 124.812 euro, mantenendosi su un valore piu' contenuto rispetto al corrispondente mese dello scorso anno (quando era stato pari a 128.146 euro) e nettamente inferiore ai 140.942 euro dell'aprile 2010, quando venne toccato il picco degli ultimi 5 anni. Questa dinamica e' rafforzata anche dall'analisi di CRIF sulla distribuzione per fasce di importo richiesto: nei primi quattro mesi del 2014 le domande da parte delle famiglie italiane si sono nuovamente concentrate in prevalenza sotto i 75.000 euro (con una quota in crescita rispetto al 2013 di 2,3 punti percentuali) e nella fascia compresa tra i 100.000 e i 150.000 euro, entrambe con una quota pari al 28,5% del totale. Per quanto riguarda la distribuzione della domanda di mutui per durata, invece, la classe compresa tra i 25 e i 30 anni continua a essere la preferita dalle famiglie italiane, con una quota del 28,1% del totale, seguita dalla fascia tra i 15 e i 20 anni, con il 22,3%. ''Nel complesso, il dato relativo al ridimensionamento dell'importo medio unitamente all'allungamento dei piani di rimborso denota la tendenza da parte dei richiedenti a privilegiare soluzioni per le quali il peso della rata possa gravare il meno possibile sul reddito familiare - commenta Simone Capecchi, Direttore Sales & Marketing di CRIF -.

D'altro canto, le famiglie italiane si trovano ancora in una situazione di vulnerabilita', con un mercato del lavoro che sconta tassi di disoccupazione elevati e la contrazione dei redditi disponibili''.

red-gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4