mercoledì 18 gennaio | 17:34
pubblicato il 23/giu/2011 21:27

Immigrati/ Tremonti: Tragedia biblica, migliaia morti e mostri

"In Europa possibili crescenti tensioni geopolitiche"

Immigrati/ Tremonti: Tragedia biblica,  migliaia morti e mostri

Roma, 23 giu. (askanews) - Il fenomeno dell'immigrazione "è la versione moderna della tragedia biblica, con migliaia di morti, migliaia di mostri quali sono i trafficanti di esseri umani e gli incubi di un passato che pensavamo trascorso per sempre sono di nuovo fra noi". Lo ha affermato il ministro dell'Economia Giulio Tremonti nel corso del suo discorso alla festa della Guardia di finanza ricorrendo a una citazione biblica. "Mosè stese la mano sul mare e il Signore durante la notte sospinse il mare con forte vento d'oriente e le acque si aprirono". Il ministro ha osservato che "la storia che pensavamo si fosse fermata ha ripreso la sua corsa e lo ha fatto prendendo un nome leggero: Jasmine, la Rivoluzione dei Gelsomini. Di solito - ha proseguito il titolare dell'Economia - le rivoluzioni arrivano di colpo senza dare il preavviso". "La storia che si è rimessa in moto è stata innescata dalla speculazione finanziaria sul prezzo del cibo, prezzo che per i poveri non ha effetto come diciamo noi di carovita ma tout court effetto di vita, ciò che in Tunisia ha spinto un giovane ambulante a bruciarsi vivo per la disperazione, innescato dalla speculazione finanziaria". Tremonti ha quindi osservato che "una catena vasta e rivoluzionaria di moti si sta estendendo dall'Atlantico verso l'Asia percorrendo la sponda meridionale del Mediterraneo". Tra i fattori di crisi il ministro ha elencato "le masse di giovani istruiti, le masse di giovani donne non più disposte a stare nel passato" e soprattuto "il potenziale maggiore di rischio", secondo Tremonti, è dovuto alla "diseguaglianza economica e sociale". Il titolare di via XX Settembre ha quindi ricordato che "tra pochi mesi si voterà in quasi tutti i paesi asiatici" e ha parlato di una "non improbabile delusione democratica" perché, ha detto, "la democrazia non è una piazza piena di rabbia o di speranza, non è una merce, non è una commodity che si esporta come McDonald, si può produrre in molti paesi del Mediterraneo un effetto di crescente instabilità politica". Secondo Tremonti l'incertezza può arrivare in Europa "dal lato estremo dell'estrema destra, può arrivare una crisi della democrazia e di riflesso, una crisi dell'architettura politica europea".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Economia estera
Il presidente cinese Xi va a Davos a difendere il libero scambio
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Alla Luiss il primo corso di alimentazione sostenibile
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina