mercoledì 18 gennaio | 13:33
pubblicato il 07/ott/2013 18:35

Ilva: Ugl, rischia chiusura a causa groviglio norme e burocrazia

(ASCA) - Roma, 7 ott - ''Abbiamo la sensazione che si stia facendo di tutto per chiudere definitivamente gli stabilimenti dell'Ilva''. A lanciare l'allarme e' il vice segretario generale dell'Ugl, Paolo Varesi, secondo cui ''mentre da piu' parti si rivendicano ulteriori norme di semplificazione delle procedure, non si e' ancora passati all'applicazione di quelle esistenti, perche' sia i cantieri per i necessari interventi di ambientalizzazione sia le risorse indispensabili per l'applicazione dell'Aia sono bloccati in un groviglio di autorizzazioni da cui non si riesce a venire a capo''. ''In piu', - aggiunge il sindacalista - l'azione dell'autorita' giudiziaria, sebbene legittima, si sta trasformando in un funerale annunciato per l'impianto di Taranto, con conseguenze gravi sia per i lavoratori sia per l'ambiente. Nessuno infatti, salvo la proprieta', sara' in grado di riparare al danno ed assicurare un futuro ecocompatibile alla siderurgia e ai migliaia di lavoratori occupati nel settore''.

Per Varesi ''la questione non e' predisporre nuove regole, perche' il problema era gia' stato risolto lo scorso anno quando, con la definizione dell'Aia, si erano rese effettive le procedure europee, anticipando addirittura le previsioni della Commissione per l'aggiornamento tecnologico degli impianti siderurgici. Il vero problema - conclude - e' tutto il castello di carta e di burocrazia che imbriglia gli stabilimenti, i cui effetti sono sotto gli occhi di tutti''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Mutui
Mutui, Abi: a dicembre tassi interesse al 2,02%, minimo storico
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Ricerca, piccole balene cibo preferito da squalo estinto Megalodon
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa