martedì 21 febbraio | 11:56
pubblicato il 23/gen/2013 19:20

Ilva: Palombella (Uilm), azienda a rischio. Intervenga Capo Stato

(ASCA) - Roma, 23 gen - ''L'ennesimo diniego della Procura di Taranto anche sul dissequestro vincolato dei prodotti finiti e semilavorati dell'Ilva getta prefigura uno scenario apocalittico per il destino del sito siderurgico del capoluogo ionico e per l'intera filiera produttiva del manifatturiero nazionale''. Lo afferma, in nota, il segretario generale della Uilm, Rocco Palombella sottolineando che ''sono soprattutto a rischio i destini delle famiglie dei 16.000 addetti del Gruppo in questione''.

Secondo Palombella ''e' ora che si pronunci il Presidente della Repubblica, dato che decreti e appelli del governo sono risultati vani. Se non si commercializza il prodotto, non ci possono essere le risorse per applicare l'Aia e pagare le retribuzioni. Cosi' lo stabilimento si ferma e non riparte piu'. Una follia. E' bene che la Corte Costituzionale si pronunci al piu' presto sulle questioni di legittimita' costituzionale avanzate a proposito del decreto ''salva Ilva'. Ormai le ore sono contate!''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia