lunedì 16 gennaio | 12:10
pubblicato il 23/gen/2013 19:20

Ilva: Palombella (Uilm), azienda a rischio. Intervenga Capo Stato

(ASCA) - Roma, 23 gen - ''L'ennesimo diniego della Procura di Taranto anche sul dissequestro vincolato dei prodotti finiti e semilavorati dell'Ilva getta prefigura uno scenario apocalittico per il destino del sito siderurgico del capoluogo ionico e per l'intera filiera produttiva del manifatturiero nazionale''. Lo afferma, in nota, il segretario generale della Uilm, Rocco Palombella sottolineando che ''sono soprattutto a rischio i destini delle famiglie dei 16.000 addetti del Gruppo in questione''.

Secondo Palombella ''e' ora che si pronunci il Presidente della Repubblica, dato che decreti e appelli del governo sono risultati vani. Se non si commercializza il prodotto, non ci possono essere le risorse per applicare l'Aia e pagare le retribuzioni. Cosi' lo stabilimento si ferma e non riparte piu'. Una follia. E' bene che la Corte Costituzionale si pronunci al piu' presto sulle questioni di legittimita' costituzionale avanzate a proposito del decreto ''salva Ilva'. Ormai le ore sono contate!''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Calenda: no a nuova rinazionalizzazione
Fca
Fca, Calenda: Berlino si occupi di Volkswagen
Luxottica
Luxottica ed Essilor verso fusione, Luxottica vola in borsa (+13%)
Cambi
Sterlina a minimi dopo crollo ottobre, cala sotto 1,2 su dollaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Il prototipo della nuova Civic Type R debutta al Salone di Tokyo
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, prima passeggiata spaziale per il francese Thomas Pesquet
TechnoFun
Arriva Switch, la nuova console trasformista di Nintendo
Sistema Trasporti
A Milano il car sharing DriveNow apre alle auto elettriche