martedì 24 gennaio | 14:19
pubblicato il 19/set/2013 15:08

Ilva: Fim Cisl, riavviare con urgenza impianti Riva Acciaio

(ASCA) - Milano, 19 set - Il Coordinamento Nazionale Fim Cisl del Gruppo Riva Acciaio, dopo il blocco delle attivita' deciso dall'azienda a seguito del sequestro dei beni della famiglia Riva da parte della magistratura, denuncia la gravita' della situazione che si e' determinata nel Gruppo Riva Acciaio, nell'indotto e nell'economia dei territori dove sono collocati gli stabilimenti. ''Tale situazione - si legge in una nota - sta mettendo a rischio la sicurezza occupazionale e salariale di migliaia di famiglie e sta indebolendo fortemente l'economia di questi territori. I lavoratori non vogliono essere utilizzati come ostaggio in uno scontro tra azienda e magistratura, di cui non sono responsabili, e sin da subito come Fim-Cisl abbiamo diffidato l'azienda dall'attuare azioni unilaterali come la messa in liberta' e la serrata che e' stata avviata dallo scorso giovedi' 13 settembre''.

Dal 25 maggio, dopo la prima confisca, la Fim Cisl aveva chiesto di mettere al riparo gli stabilimenti Riva Acciaio da effetti che ne avrebbero determinato il fermo produttivo.

''Riteniamo che il Commissariamento - prosegue la nota del sindacato - sia l'extrema ratio, e che rischia, in questa fase di rappresentare una scorciatoia dannosa e inefficace''.

La Fim Cisl si rivolge al governo chiedendo di ''adottare i provvedimenti normativi che garantiscano l'immediata ripresa del lavoro, che siano giuridicamente efficaci e assicurino la loro tenuta nel tempo. Constatiamo con preoccupazione che anche l'Ilva, seppur commissariata, rischia di bloccarsi nuovamente perche' non viene ancora messa in grado di operare pienamente dal punto di vista industriale. Senza certezze giuridiche sulle norme, che definiscano i rapporti produttivi con le aziende controllate e consentano loro di operare, e senza un diverso dialogo tra i poteri dello Stato e la magistratura, e soprattutto riportando al rigoroso rispetto della legge e ad un comportamento costruttivo la famiglia Riva, ogni soluzione rischia di essere un tampone in una falla che si allarga e che invece va al piu' presto chiusa''.

La priorita', conclude il comunicato, e' ''che il lavoro e l'occupazione tornino al centro dell'attenzione di tutti, e che le scelte dell'azienda, del governo, della magistratura, lo valorizzino e non lo distruggano. Su questi obiettivi sono in corso pressanti iniziative di mobilitazione in tutti gli stabilimenti, che chiediamo culminino in una grande manifestazione dei lavoratori di tutto il Gruppo Riva Acciaio e delle aziende''.

com-fcz/mau/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Lavoro
Confindustria: dal 2014 occupazione cresce ma si ferma a metà 2016
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4