martedì 21 febbraio | 17:52
pubblicato il 19/set/2013 15:08

Ilva: Fim Cisl, riavviare con urgenza impianti Riva Acciaio

(ASCA) - Milano, 19 set - Il Coordinamento Nazionale Fim Cisl del Gruppo Riva Acciaio, dopo il blocco delle attivita' deciso dall'azienda a seguito del sequestro dei beni della famiglia Riva da parte della magistratura, denuncia la gravita' della situazione che si e' determinata nel Gruppo Riva Acciaio, nell'indotto e nell'economia dei territori dove sono collocati gli stabilimenti. ''Tale situazione - si legge in una nota - sta mettendo a rischio la sicurezza occupazionale e salariale di migliaia di famiglie e sta indebolendo fortemente l'economia di questi territori. I lavoratori non vogliono essere utilizzati come ostaggio in uno scontro tra azienda e magistratura, di cui non sono responsabili, e sin da subito come Fim-Cisl abbiamo diffidato l'azienda dall'attuare azioni unilaterali come la messa in liberta' e la serrata che e' stata avviata dallo scorso giovedi' 13 settembre''.

Dal 25 maggio, dopo la prima confisca, la Fim Cisl aveva chiesto di mettere al riparo gli stabilimenti Riva Acciaio da effetti che ne avrebbero determinato il fermo produttivo.

''Riteniamo che il Commissariamento - prosegue la nota del sindacato - sia l'extrema ratio, e che rischia, in questa fase di rappresentare una scorciatoia dannosa e inefficace''.

La Fim Cisl si rivolge al governo chiedendo di ''adottare i provvedimenti normativi che garantiscano l'immediata ripresa del lavoro, che siano giuridicamente efficaci e assicurino la loro tenuta nel tempo. Constatiamo con preoccupazione che anche l'Ilva, seppur commissariata, rischia di bloccarsi nuovamente perche' non viene ancora messa in grado di operare pienamente dal punto di vista industriale. Senza certezze giuridiche sulle norme, che definiscano i rapporti produttivi con le aziende controllate e consentano loro di operare, e senza un diverso dialogo tra i poteri dello Stato e la magistratura, e soprattutto riportando al rigoroso rispetto della legge e ad un comportamento costruttivo la famiglia Riva, ogni soluzione rischia di essere un tampone in una falla che si allarga e che invece va al piu' presto chiusa''.

La priorita', conclude il comunicato, e' ''che il lavoro e l'occupazione tornino al centro dell'attenzione di tutti, e che le scelte dell'azienda, del governo, della magistratura, lo valorizzino e non lo distruggano. Su questi obiettivi sono in corso pressanti iniziative di mobilitazione in tutti gli stabilimenti, che chiediamo culminino in una grande manifestazione dei lavoratori di tutto il Gruppo Riva Acciaio e delle aziende''.

com-fcz/mau/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia