venerdì 09 dicembre | 08:49
pubblicato il 13/ago/2012 07:51

Ilva/ Ferrante: "Mi batterò, non si uccide un'azienda"

Ipotesi licenziamento non rientra nel nostro orizzonte

Ilva/ Ferrante: "Mi batterò, non si uccide un'azienda"

Roma, 13 ago. (askanews) - "Ho rispetto nei confronti della magistratura, preferisco non commentare": così Bruno Ferrante, presidente dell'Ilva, dopo che il gip di Taranto Patrizia Todisco lo ha estromesso dall'incarico di custode giudiziario dell'acciaieria (per conflitto d'interessi) e ha de facto ordinato il congelamento degli impianti per il rischio ambientale. Contro la decisione del gip è insorto un muro di lavoratori, sindacati, partiti politici e governo (il premier Monti manderà a Taranto il 17 agosto tre ministri con l'incarico di fargli una relazione e l'eventuale chiusura dell'Ilva viene definita "un danno irreparabile" dal ministro per lo sviluppi economico Corrado passera). Ferrante da parte sua non commenta ma dice "Non dimentichiamo che siamo in una fase cautelare. Non c'è una sentenza. Non si uccide un'azienda mandando a casa migliaia di lavoratori". Sempre secondo Ferrante, il suo incarico come custode giudiziario (inizialmente deciso dal Tribunale del Riesame) aveva un senso perché "era un modo per mantenere un collegamento fra il lavoro svolto dagli altri custodi e l'attività della società", che doveva risanare l'Ilva in base alle indicazioni dei periti e con "un pacchetto di iniziative condivise con governo e Regione". E il rischio ambientale, la diossina killer? "Le responsabilità ci sono state, ma riguardano il passato. Omissioni, anche da parte dell'Ilva, che ha comunicato male, si è mostrata litigiosa". Ora serve "un clima più sereno" e il Riesame "ci aveva dato una prospettiva, utilizzare gli impianti per metterli in sicurezza". A una domanda su quando però gli impianti dell'Ilva potrebbero essere considerati non più tossici, Ferrante replica "Non so né quando né che costi abbia tutto ciò. Bisogna leggere la nuova autorizzazione ministeriale. Ma alcune emissioni sono state abbattute. Molto è stato già fatto e molto si può ancora fare". Oggi, Ferrante incontrerà i sindacati perché l'ipotesi di chiusura degli impianti mette a rischio il lavoro di tutto gli operai dell'Ilva. "Sono agitati. Il momento è difficile ma l'ipotesi di licenziamento non rientra nel nostro orizzonte. Non ne abbiamo neanche parlato".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni