lunedì 27 febbraio | 11:23
pubblicato il 17/set/2013 16:41

Ilva: Federacciai, fortissime tensioni nel comparto. Letta ci convochi

(ASCA) - Roma, 17 set - Un incontro urgente con il presidente del Consiglio, Enrico Letta, e con il ministro dello Sviluppo Economico, Flavio Zanonato. Lo chiede Federacciai al termine del direttivo ordierno.

''La situazione del blocco delle imprese di Riva Acciaio provocata dai provvedimenti di sequestro emanati dalla Magistratura di Taranto e non da una decisione di serrata da parte del Gruppo Riva - si legge in una nota - ha suscitato enorme preoccupazione nei produttori italiani di acciaio che vedono in questo episodio un grave attacco alla liberta' d'impresa e alle condizioni operative delle imprese italiane, sia siderurgiche che della trasformazione del metallo, che si trovano in una situazione di grandissima difficolta' per il blocco delle attivita' di Riva Acciaio''.

''Federacciai ha chiesto un incontro urgente con il Presidente del Consiglio, Enrico Letta, e con il Ministro dello Sviluppo Economico, Flavio Zanonato - conclude la nota -, per rappresentare loro la preoccupazione del comparto e per sollecitare una rapida soluzione del caso''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech