sabato 21 gennaio | 10:25
pubblicato il 23/mag/2014 18:16

Ilva: Cisl, sentenza Taranto ripropone salvaguardia salute posto lavoro

(ASCA) - Roma, 23 mag 2014 - ''La sentenza in primo grado del tribunale penale di Taranto che condanna i dirigenti della ex Italsider e dell'Ilva per i decessi per cancro dovuti all'esposizione all'amianto ripropone l'urgenza di migliorare e rafforzare i diritti di salvaguardia della salute nei posti di lavoro''. Lo dichiara in una nota il Segretario confederale della Cisl, Luigi Sbarra. ''La Cisl - continua Sbarra - impegna i propri quadri sindacali a chiedere in tutti i posti di lavoro la certificazione delle Asl sull'avvenuta rimozione e bonifica della presenza dell'amianto. E' questa una esigenza non solo dei lavoratori ma anche degli stessi imprenditori chiamati a rimuovere ogni possibile pericolo collegato alla presenza di amianto che potrebbe portare anche alla condizione di chiudere la propria attivita'' produttiva. Ma la sentenza impegna anche i sindaci, nelle cui citta' ci sono migliaia e migliaia di tetti con coperture di cemento-amianto ormai nello stato di grave disfacimento e rilascio di fibre, all'immediata emanazione di ordinanze per la messa in sicurezza e bonifica''.

''Per questo - prosegue Sbarra - continuiamo a richiedere con forza che il Governo dia piena operativita' al Piano nazionale di lotta all'amianto, un intervento coordinato di sorveglianza sanitaria e di cura delle malattie correlate all'esposizione all'amianto, una strategia per la bonifica della presenza dell'amianto a cominciare dai 500 edifici pubblici dichiarati di massima priorita' dal censimento dell'Inail e per l'estensione alle vittime civili , cioe' ai semplici cittadini esposti casualmente alle fibre di amianto, dei risarcimenti previsti dal Fondo di solidarieta' per le vittime dell'amianto. La sentenza del tribunale penale di Taranto non lascia piu' spazio ad ulteriori rinvii per la messa in sicurezza e bonifica dell'amianto, in tutti i posti di lavoro e in tutte le situazioni di vita delle nostre citta'''. ''Sempre dal censimento in possesso dell'Inail , ex Ispels - conclude Sbarra - sono 34.000 i siti censiti in Italia con presenza significativa di amianto''.

com-sen/sam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Agroalimentare
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Mps
Mps, Vegas: per ripresa contrattazioni titolo aspettiamo il piano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4