venerdì 24 febbraio | 20:31
pubblicato il 28/mag/2013 16:31

Ilva: Centrella (Ugl), assicurare continuita' produttiva

(ASCA) - Roma, 28 mag - ''Bisogna assicurare la continuita' dell'Ilva di Taranto non solo per evitare la distruzione dell'economia e del tessuto sociale di un'intera provincia, ma per scongiurare un effetto domino negativo che puo' portare al blocco della produzione dell'acciaio in tutta Italia con ricadute pesanti su altri settori''. E' quanto sostiene il segretario generale dell'Ugl, Giovanni Centrella, sottolineando come ''il rispetto delle regole, dell'ambiente e della salute sono fondamentali e purtroppo qualcuno fatica a capire che con l'arresto degli impianti questi principi fondamentali non saranno garantiti, tutt'altro''.

''Per il lavoro, per la salute, per l'ambiente e anche per evitare un altro duro contraccolpo al nostro sistema economico gia' fragile e a rischio desertificazione industriale - conclude Centrella - le istituzioni tutte e la societa' civile devono fattivamente collaborare''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech