mercoledì 07 dicembre | 15:51
pubblicato il 24/gen/2013 20:34

Ilva: azienda, magistratura valuti conseguenze sociali dei sequestri

Ilva: azienda, magistratura valuti conseguenze sociali dei sequestri

(ASCA) - Roma, 24 gen - L'esercizio del potere discrezionale da parte dei Giudici di Taranto ''avrebbe consentito e consente'' la valutazione ''di ogni elemento di opportunita''' del provvedimento di sequestro dei prodotti finiti e semilavorati dell'Ilva tra i quali ''in primo luogo'' ogni ''conseguenza sociale che ne deriva''. E' quanto sottolinea l'azienda in una nota in cui intende avanzare ''alcune precisazioni in merito al comunicato stampa diffuso dal procuratore Franco Sebastio in data odierna''.

''Il Provvedimento di sequestro delle aree a caldo del Gip Patrizia Todisco datato 25 luglio 2012 - ricorda l'Ilva - disponeva l'immediato spegnimento degli impianti di tutte le aree a caldo dello stabilimento. Su questa specifica disposizione il provvedimento e' stato formalmente e sostanzialmente riformato dal Tribunale di Taranto che ha disposto l'utilizzo degli impianti confermando la nomina di due custodi. Ai custodi il giudice ha assegnato in via esclusiva la piena gestione delle aree a caldo, attribuendo ai medesimi ogni potere (anche di spesa) e responsabilita', sotto la supervisione della procura della Repubblica di Taranto che settimanalmente ha sistematicamente ricevuto accurate relazioni in merito''.

''Il Provvedimento di sequestro dei materiali prodotti, finiti e semilavorati, da parte della Magistratura - prosegue l'azienda - ha natura meramente facoltativa cosi' come l'eventuale confisca anche in caso di sussistenza dei reati contestati; l'esercizio del potere discrezionale da parte dei Giudici di Taranto avrebbe consentito e consente quindi la valutazione di ogni elemento di opportunita' dell'emissione del Provvedimento. Andrebbe in primo luogo valutata ogni conseguenza sociale che ne deriva''.

Secondo l'Ilva, infine, ''sulle questioni di legittimita' costituzionale proposte si ritiene la manifesta infondatezza posto che la tutela della salute e' costituzionalmente demandata agli organi di Governo, che con la decretazione d'urgenza ne ha tenuto conto, e non alla Magistratura''.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: domani Cda dopo incontro Bce. Sale ipotesi intervento Stato
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
Banche, Dombrovskis: l'Italia è preparata se e quando servisse
Bce
Il direttorio Bce decide giovedì su proroga al piano di stimoli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni