sabato 21 gennaio | 03:24
pubblicato il 04/giu/2014 11:08

Il telelavoro come efficienza: l'esperienza del Trentino

Il progetto pronto per essere esteso a tre quarti personale PAT

Il telelavoro come efficienza: l'esperienza del Trentino

Trento (askanews) - Ambiente, tecnologia, famiglia e risparmio: sono i criteri che hanno ispirato il progetto di telelavoro realizzato in Trentino.Paola Borz, repsonsabile servizio risorse umane della Provincia autonoma di Trento."Il progetto di telelavoro è iniziato nel 2012 e consiste nella possibilità per i dipendenti della provincia di lavorare da casa, o in telecentri come questo per alcuni giorni alla settimana"In base ad un accordo sindacale biennale, i lavoratori della Provincia autonoma di Trento rinunciano all'indennità di mensa per i giorni telelavorati, e al pagamento totale degli straordinari, per poter lavorare o da casa, o in uno dei 12 centri distributi sul territorio, e quindi più vicini alle residenze dei lavoratori, per un massimo di 4 giorni alla settimana. Se si pensa al territorio della Provincia che impone ai dipendenti spostamenti medi fino a 60 chilometri al giorno per recarsi al lavoro si comprende come l'avvio del progetto sia stato a dir poco travolgente."I vantaggi possono essere suddivisi in termini di conciliazione, in termini economici. E abbiamo inoltre razionalizzato i costi per gli spazi e ottenuto la riduzione dell'anidride carbonica", prosegue Paola Burz.Sui primi 100 telelavoratori coinvolti i risparmi sull'ambiente sono stati calcolati in 137mila tonnellate di C02 in meno all'anno. Ma non solo: sono state dimezzate le ore di missione, ed è stato dato un fortissimo impulso alla dematerializzazione delle pratiche.Ma non tutte le criticità sono state risolte al primo colpo."I coni d'ombra in questo momento sono legati alla necessità di far cambiare la mentalità in parte dei lavoratori, ma soprattutto dei dirigenti. E quindi l'idea di passare da una attività basata sulla presenza a una basata sul risultato.Il telelavoro facilita la conciliazione lavoro-famiglia, ma nello stesso tempo può tradursi per il lavoratore nell'isolamento o in perdita di produttività. Anche in questo caso la risposta del Trentino è stata netta."Noi sconsigliamo caldamente, e così accade, di lavorare con i bambini o con i genitori anziani - spiega Burz - ci deve essere una postazione a sè stante. Il telelavoro è solo un modo per essere più vicini, risparmiare tempo e denaro, non per sostituire il lavoro con qualcos'altro e questo è un punto fondamentale del progetto".Su 4.000 dipendenti della Pronvicia Autonoma, 3.000 sono impegnati su attività "telelavorabili". A luglio del 2013 i dipendenti che aderiscono al telelavoro sono 245, con l'obiettivo di estendere ora il progetto in maniera capillare.

Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4