sabato 25 febbraio | 08:07
pubblicato il 11/dic/2015 16:16

Il padrone cinese di ClubMed fermato dalla polizia a Shanghai

Bbc: la società assicura che non è indagato e che è raggiungibile

Il padrone cinese di ClubMed fermato dalla polizia a Shangai

Roma, 11 dic. (askanews) - Il gruppo cinese Fosun International ha confermato che la polizia ha messo in stato di detenzione il suo fondatore e numero uno, Guo Guangchang, il magnate che nei mesi scorsi aveva soffiato il Club Med alla cordata guidata dall'italiano Andrea Bonomi. Lo riporta la Bbc, dopo che in precedenza il settimanale finanziario cinese Caixin aveva riferito che il 48enne era stato prelevato dalle forze dell'ordine presso un aeroporto di Shanghai e che da ieri non si avevano più sue notizie.

Fosun è stata sospesa dagli scambi in Borsa e la società ha puntualizzato che le contrattazioni ripartiranno lunedì. I possedimenti all'estero del magnate asiatico vanno oltre i villaggi: controlla infatti anche il Cirque du Soleil ed è azionista di Thomas Cook. Peraltro Fosun lo scorso luglio si era aggiudicata il palazzo che aveva costituito la storica sede di Unicredit a milano, a piazza Cordusio.

Secondo Caixin, l'imprenditore, spesso soprannonimato "il Warren Buffett della Cina" verrebbe sentito nell'ambito di una indagine per corruzione, anche se non è chiaro se come indagato o se come persona informata dei fatti.

Sempre secondo la Bcc, Fosun ha assicurato che non è indagato e che è comunque consultabile per le decisioni più rilevanti. Il tutto sembra inserirsi nella massiccia campagna di lotta all corruzione che il presidente Xi Jinping sta portando avanti da quando è salito al potere, che sta investendo l'amministrazione e l'imprenditoria cinese a tutti i livelli.

Con una fortuna personale valutata a 7,8 miliardi di dollari, Guo sarebbe il maggiore esponente del settore privato ad esser incappato finora in queste indagini. La sua Fosun è una delle finanziarie più conosciute in Cina, con attività che il magnate stesso ha recentemente quantificato in 160 miliardi di dollari. La sospensione degli scambi a Shanghai ha investito cinque solcietà controllate.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech