domenica 04 dicembre | 09:49
pubblicato il 05/dic/2014 17:15

Il gotha dei media Usa a Roma per discutere il futuro del settore

"The State of Media" si è tenuto al Centro Studi Americani

Il gotha dei media Usa a Roma per discutere il futuro del settore

Roma, 5 dic. (askanews) - Un "brainstorming" a porte chiuse con il gotha dei media americani e italiani, giornalisti, editori e investitori pubblicitari, per discutere sullo "State of Media": così il Centro Studi Americani di Roma, in collaborazione con la Luiss e l'Ambasciata degli Stati Uniti, ha analizzato oggi le enormi sfide che l'economia digitale riserva al settore dell'informazione.

Ad aprire i lavori l'ambasciatore americano John Phillips e la moglie Linda Douglass, ex capo della comunicazione per la riforma sanitaria del presidente americano Barack Obama ed ex giornalista di Cbs ed Abc. Douglass ha anche presieduto due dei panel della tavola rotonda, quello sullo "State of U.S. Media" e quello su "Women in Media". Ai lavori hanno assistito anche 30 studenti di giornalismo della Luiss.

"L'industria dei media è una parte vitale di qualsiasi democrazia: una stampa solida, libera e prospera è fondamentale in ogni società", ha insistito Phillips, e ha aggiunto: "Guardate cosa sta accadendo in Russia, dove non c'è una stampa libera".

Ma come faranno i media a restare al passo con le trasformazioni vorticose dell'era digitale? Secondo Justin Smith, Ceo di Bloomberg Media Group, l'ambizione dev'essere pari alle sfide, e portare molti media a decisioni di "cambiamento radicale": "I media in difficoltà devono cannibalizzarsi, staccarsi le braccia se serve", sapendo che "se non se le staccano da soli, gliele staccheranno altri". E alcuni settori, come quello pubblicitario, pongono interrogativi cruciali: le grandi piattaforme come Google o Yahoo hanno dati sulle abitudini di consumo che consentono loro di raggiungere il pubblico molto meglio dei media tradizionali. Questi devono sforzarsi in tutti i modi per penetrare il settore cruciale dei dati di consumo. Per Smith investire sui dati e investire nella qualità non sono scelte alternative, perché si possono fare entrambe le cose; come pure la velocità e la sintesi, o la produzione di informazione più leggera, non necessariamente vanno a scapito della qualità.

Sulla doppia natura dei media come produttori di beni commerciali che allo stesso tempo hanno però anche una funzione sociale e culturale, diversi partecipanti hanno sottolineato che l'evoluzione digitale e multipiattaforma dei media "tradizionali" non significa ridurre la qualità intrinseca del lavoro giornalistico: Jeff Fager, Ceo di Cbs News, ha ricordato la trasmissione "60 minutes", un magazine televisivo della sua Tv lanciato nel 1968 ma che continua a battere record d'ascolto. Ha gli stessi livelli d'ascolto di famose sitcom e reality shows, "perché i telespettatori sono ancora affamati di hard news" e "bisogna soltanto trovare nuovi modi per raggiungerli, e lavorare duro per rendere interessanti le notizie di sostanza", cercando di produrre un blend equilibrato di notizie serie e più leggere.

Che per Cbs News non significa affatto, però, chiudersi alla novità: "Stiamo sviluppando una piattaforma mobile per i telefonini perché sappiamo che la gente nel futuro non guarderà più questi magazine così tanto, o comunque non nello stesso modo".

Anche per Gerard Baker, direttore del Wall Street Journal, la missione essenziale dei media resta quella di "assicurarsi che chi ha il potere debba risponderne" ai cittadini. Nell'enorme varietà e velocità dei cambiamenti, un gruppo che voglia restare o diventare leader in questo settore deve puntare su "una chiara identità". Che non è soltanto una linea politica, ma anche dare ai lettori il senso che su quel media "i fatti vengono verificati". Così si crea qualcosa di "distinto" e si favorisce la nascita di una "community" intorno a un media.

I social media, anche se "sono una sfida" per la stampa tradizionale, secondo Baker sono un fatto positivo per i cittadini, perché diffondendo le notizie di più media alla volta o ponendosi come fonti primarie, aiutano il confronto e limitano le visioni troppo di parte. E per Justin Smith di Bloomberg, danno una grande opportunità ai giovani giornalisti ancora sconosciuti: "Scrivete tanto", ha suggerito loro, "e usate i social per diffondere quel che scrivete". Un trampolino di lancio che raramente è sufficiente di per sé, ma che i giornalisti che hanno cominciato 10, 20 o 30 anni fa non hanno potuto usare.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari