mercoledì 07 dicembre | 22:13
pubblicato il 09/mag/2016 16:12

Il Fmi tira le orecchie alla Germania: accumula troppo surplus

Sia sui conti pubblici, sia negli scambi con l'estero

Il Fmi tira le orecchie alla Germania: accumula troppo surplus

Roma, 9 mag. (askanews) - Troppo "formica" la Germania. Sta accumulando eccessivamente sia in termini di avanzo di bilancio, sia sul surplus di partite correnti, ovvero gli scambi con l'estero che oltre ai beni includono anche servizi e poste finanziarie. Sono i due rilievi più critici sollevati dal Fondo monetario internazionale nel suo rapporto al termine della missione di ricognizione annuale (procedura ex Art IV).

Un documento che ripropone critiche da tempo rivolte anche dalle autorità europee a Berlino, che ha sistematicamente respinto queste argomentazioni. Ora però il Fmi accompagna con cifre precise i suoi rilievi: di questo passo la Germania finirà per strafare sul bilancio e per accumulare una posizione di investimenti netta con l'estero pari a quasi il 90 per cento del Pil.

E mentre il resto di Eurolandia fatica a crescere, a parere di molti osservatori proprio a riflesso dell'eccessiva parsimonia tedesca.

Secondo il Fmi "se le entrate fiscali dovessero rivelarsi superiori alle attese, come già accaduto a più riprese negli ultimi anni, le relative risorse addizionali andrebbero usate per promuovere ulteriormente gli investimenti. Nel medio termine, il bilancio in pareggio è atteso tornare in surplus in parte a causa dell'attenuarsi dei costi legati agli interessi sul debito, mentre l'incidenza dell'indebitamento dovrebbe tornare sotto il 60 per cento del Pil per il 2020".

"Ci si attende che il risultato strutturale di bilancio si mantenga al di sopra dell'obiettivo di medio termine previsto dal Patto di stabilità e di crescita - dice ancora il Fmi - pari al meno 0,5 per cento del Pil".

Intanto "quest'anno il surplus di partite correnti dovrebbe restare vicino a livelli da record. Riflette la combinazione di risparmio elevato e investimenti interni limitati, in parte a causa di prospettive di crescita modeste nel medio termine e di rischi. A causa del persistere di surplus considerevoli sul medio periodo, la posizione di investimenti internazionale netta continuerà a crescere rapidamente - conclude il Fmi - fino a raggiungere quasi il 90 per cento del Pil per il 2020".

Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni