domenica 26 febbraio | 09:58
pubblicato il 03/mar/2016 14:34

Il Brasile nella peggiore recessione da 25 anni, Pil 2015 -3,8%

E con l'inflazione che galoppa sopra il 10%

Il Brasile nella peggiore recessione da 25 anni, Pil 2015 -3,8%

Roma, 3 mar. (askanews) - Al Brasile il 2015 ha riservato la peggiore recessione economica da un quarto di secolo a questa parte: un meno 3,8 per cento del Pil, secondo i dati dell'ente di statistica carioca, che se non sorprende le attese - da tempo si scontava un dato 2015 molto pesante - mette però nuovamente in rilievo le gravi difficoltà in cui si trova il gigante sudamericano.

Tanto più che la caduta del Prodotto interno loro si accompagna da una inflazione a due cifre: in Brasile il caro vita ha toccato il 10,67 per cento.

Per trovare una contrazione più pesante bisogna risalire al 1990, quando il Pil registrò un meno 4,3 per cento. A zavorrare la performance 2015 è stato innanzitutto il consistente comparto minerario, che con un meno 6,6 per cento di produzione ha sentito in pieno l'impatto del crollo delle materie prime, appesantendo l'industria la meno 6,2 per cento.

E il quadro non sembra destinato a migliorare granché, visto che per quest'anno il Fondo monetario internazionale prevede un ulteriore meno 3,5 per cento del Pil. (con fonte Afp)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech