lunedì 23 gennaio | 12:05
pubblicato il 21/feb/2013 12:00

Ifil-Exor/ Gabetti: No a onta condanna estranea a mio operato

Non posso accettare di concludere così mia esistenza

Ifil-Exor/ Gabetti: No a onta condanna estranea a mio operato

Torino, 21 feb. (askanews) - "Non posso accettare di concludere la mia esistenza sotto l'onta di una condanna tanto estranea al mio operato". Ha esordito così Gianluigi Gabetti, presidente d'onore di Exor a palazzo di Giustizia di Torino, rendendo dichiarazioni spontanee, al processo d'appello Ifil- Exor. Al centro della vicenda giudiziaria c'è il comunicato stampa del 24 agosto 2005 emesso da Ifil, su richiesta della Consob, in cui si sottolineava che la holding degli Agnelli, intenzionata a rimanere azionista di riferimento di Fiat,non aveva però allo studio iniziative. Gabetti in aula ha ricostruito quel 24 agosto, in cui si trovava negli Stati Uniti, per le vacanze estive.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Borsa, Piazza Affari piatta a metà mattinata. Ftse Mib -0,08%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4