venerdì 09 dicembre | 03:45
pubblicato il 21/feb/2013 12:00

Ifil-Exor/ Gabetti: No a onta condanna estranea a mio operato

Non posso accettare di concludere così mia esistenza

Ifil-Exor/ Gabetti: No a onta condanna estranea a mio operato

Torino, 21 feb. (askanews) - "Non posso accettare di concludere la mia esistenza sotto l'onta di una condanna tanto estranea al mio operato". Ha esordito così Gianluigi Gabetti, presidente d'onore di Exor a palazzo di Giustizia di Torino, rendendo dichiarazioni spontanee, al processo d'appello Ifil- Exor. Al centro della vicenda giudiziaria c'è il comunicato stampa del 24 agosto 2005 emesso da Ifil, su richiesta della Consob, in cui si sottolineava che la holding degli Agnelli, intenzionata a rimanere azionista di riferimento di Fiat,non aveva però allo studio iniziative. Gabetti in aula ha ricostruito quel 24 agosto, in cui si trovava negli Stati Uniti, per le vacanze estive.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni