venerdì 09 dicembre | 13:16
pubblicato il 23/ott/2013 18:16

Idrocarburi: al Mise tavolo su direttiva per sicurezza offshore

(ASCA) - Roma, 23 ott - Si e' svolta oggi la prima riunione del tavolo tecnico istituzionale per il recepimento della direttiva 2013/30/UE sulla sicurezza delle operazioni in mare nel settore degli idrocarburi, normativa che nasce con l'obiettivo di migliorare gli standard di sicurezza nell'Unione e come risposta al tragico incidente del Macondo.

L'incontro e' stato presieduto dal Sottosegretario allo Sviluppo Economico, Simona Vicari.

''L'intento - ha spiegato l'esponente di governo - e' di delineare un percorso comune che coinvolga le Amministrazioni e garantisca la partecipazione di tutti gli stakeholders per arrivare in tempi brevi al recepimento della normativa''.

''Per rispettare gli impegni presi dal nostro Governo con il Commissario Europeo all'Energia Gunther Oettinger e per lanciare un forte segnale al'Europa - ha aggiunto - e' importante che l'Italia completi il processo di adozione in concomitanza della presidenza italiana del Semestre europeo del prossimo anno. Per questo sono dell'avviso di procedere ad un recepimento snello, che non necessita di uno stravolgimento del quadro normativo esistente, ma ne tragga spunto per un miglioramento''. In questo quadro - a giudizio del Sottosegretario - e' prioritario aprire una riflessione sui compiti dell'organismo centrale che proseguira' l'azione di vigilanza sulla sicurezza delle attivita' oggi svolta efficacemente da questo Ministero. Inoltre, ai fini di un accrescimento dei livelli di sicurezza e tutela ambientale in tutto il Mediterraneo ''e' necessario- ha sottolineato ancora Vicari- intensificare i rapporti con i Paesi rivieraschi dell'Unione e con gli altri Paesi mediterranei, per creare uno spazio integrato di condivisione delle migliori pratiche tecniche, di scambio di informazioni e di prevenzione e gestione delle emergenze''.

Un tema, quello della sicurezza, sul quale il Sottosegretario Vicari ha garantito l'impegno del Ministero, anche con la possibilita' di ''creare un apposito fondo a carico degli operatori in modo da consentire di avviare immediatamente tutti gli interventi per fronteggiare le emergenze e per garantire una riparazione piu' efficace dei danni eventuali''. A tal proposito Vicari ha annunciato che a breve incontrera' i rappresentanti delle aziende che operano nel settore, oltre a quelli delle associazioni ambientaliste ''perche'- ha affermato- dobbiamo lavorare tutti insieme, senza preconcetti affinche' sia varata una normativa che realmente assicuri al nostro Paese i piu' elevati livelli di sicurezza''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
L'armonia di Umbria jazz sposa l'eccellenza dei vini di Orvieto
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina