mercoledì 22 febbraio | 00:42
pubblicato il 08/lug/2014 17:58

Ideal Standard: nessun accordo per la cigs in deroga

(ASCA) - Pordenone, 8 lug 2014 - In occasione dell'incontro convocato dalla Provincia di Pordenone per un accordo riguardo alla decisione di chiudere lo stabilimento di Orcenico annunciata nel luglio del 2013, Ideal Standard ha dichiarato la propria impossibilita' a procedere alla firma di un accordo propedeutico alla richiesta di CIGS in deroga.

''Questa decisione e' stata presa perche' ad oggi non sussistono piu' le condizioni ne' in termini temporali, ne' sostanziali - informa una nota della societa' -. Per dare esecuzione all'accordo del 22 maggio scorso, che prevedeva l'attivazione della cassa integrazione retroattivamente a partire dal primo maggio scorso, l'azienda avrebbe dovuto richiedere l'attivazione della CIGS in deroga entro la meta' giugno; inoltre l'azienda e' stata informata il 3 luglio scorso dell'assenza di soggetti interessati all'acquisizione dello stabilimento. Questi due elementi sono sostanziali e di merito per agire nel rispetto delle norme''.

fdm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia