sabato 03 dicembre | 08:36
pubblicato il 01/apr/2015 14:31

I turchi Toksoz scommettono sul Gianduiotto: conquisterà il mondo

La nuova Pernigotti punta a espandersi in Usa e Cina

I turchi Toksoz scommettono sul Gianduiotto: conquisterà il mondo

Milano, (askanews) - Portare Pernigotti nel mondo per farne un player in grado di competere con i più grandi marchi mondiali del cioccolato. È l'obiettivo di Ahmet e Zafer Toksoz, fratelli proprietari dell'omonimo gruppo che conta 3.800 dipendenti e ha acquisito l'azienda italiana nel 2013. Il Gianduiotto, prodotto simbolo di Pernigotti conosciuto in tutto il mondo, si appresta a sbarcare in Turchia ma non solo, come spiega Ahmet: "Abbiamo cominciato a lanciarlo in Spagna, ma anche in Stati Uniti, Cina, Russia, sarà l'high premium brand nel mercato del cioccolato. Vogliamo che in 10 anni sia uno dei 3-4 marchi principali del mondo nel business del cioccolato".

La forza del marchio e della tradizione italiana hanno spinto i due imprenditori all'acquisizione. "Qualche volta ci chiedono perchè abbiamo comprato questa azienda. È molto antica è un marchio molto noto in Italia. Abbiamo cambiato la formula e iniziato portare i prodotti da 3-4 a 5-6.000 negozi. C'è l'eredità di 150 anni, dobbiamo mantenere i marchi e il valore e farlo migliorare. La repubblica di Turchia compie 100 anni nel 2023, questa azienda ha 150 anni di storia, per questo valore siamo qui" ha aggiunto.

Sono due i business di Pernigotti: il cioccolato e i preparati per gelati. Le basi di partenza per l'export sono Turchia per il primo e Germania per il secondo. L'amministratore delegato, Massimo Potenza: "Pensiamo che nei prossimi due anni si crescerà in maniera abbastanza aggressiva soprattutto fuori dall'Italia, la base della nostra strategia è rafforzare la base italiana. È chiaro però che il mercato è fatto di 60 milioni di abitanti e saturo, quindi gli sviluppi arriveranno dagli altri Paesi. C'è un grandissimo interesse in Asia, meno curiosità nel mondo anglosassone perchè è un mondo pieno di offerte".

In Italia resta punto fermo lo stabilimento di Novi Ligure, con la prospettiva di ampliarlo se le vendite andranno come previsto.

Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari