giovedì 19 gennaio | 16:11
pubblicato il 18/mar/2016 15:55

I dottori commercialisti puntano sul welfare di categoria

Guffanti (Cnpadc) : sanità, formazione e sostegno alla maternità

I dottori commercialisti puntano sul welfare di categoria

Roma (askanews) - La Cassa di previdenza dei dottori commercialisti (Cnpadc) potenzia il welfare di categoria e consente ai suoi 66 mila associati di prevedere la pensione futura e addirittura di fissarsi un obbiettivo pensionistico e di commisurare ad esso i contributi da versare per raggiungere la pensione desiderata.

"Già dai primi Anni Duemila - dice Renzo Guffanti, commercialista a Como e presidente di Cnpadc - siamo passati dal regime retributivo al regime contributivo basato sull'effettivo versamento dei contributi. C'è stata poi una seconda fase negli ultimi anni in cui, per mitigare la cura da cavallo del contributivo che stava avendo effetto, abbiamo inserito una quota di premialità per i più giovani che sono assoggettati al solo regime contributivo, premialità che riesce a tenere in equilibrio chi nel giro di qualche anno vedrà la pensione e chi sta iniziando oggi e avrà la pensione tra 35-38-40 anni. In più, abbiamo introdotto un'aliquota minima del 12%, che darà diritto a una pensione pari al 40% circa degli ultimi redditi, ma con la possibilità di versare un'aliquota maggiore con un premio che può arrivare fino al 25% a carico della Cassa. In questo modo, chi decide di versare anzichè il 12%, il 15, il 16 o il 17% potrà arrivare ad avere una pensione pari al 55-60% degli ultimi redditi. Per dare una traccia al nostro iscritto, dal 2015 è attivo sul sito della Cassa un programma di simulazione chiamato Pes, che consente di calcolare la pensione in base ai contributi versati e, al contrario, consente di fissare l'obbiettivo ideale di pensione calcolando a ritroso quanti contributi sono necessari per raggiungere l'obbiettivo. Stiamo infine - conclude Guffanti - potenziando il welfare di categoria: una copertura medico-sanitaria che consente di coprire i grandi eventi morbosi e gli interventi chirurgici completamente a carico della Cassa; nel 2014 abbiamo rafforzato il sostegno alla maternità, riconoscendo alle neo mamme una quota aggiuntiva a ciò che prevedono le norme da 1700 a 3 mila euro, visto che la nostra categoria si sta femminilizzando e oggi le neo iscritte superano i neo iscritti; abbiamo poi potenziato le coperture per le Rsa (assistenza agli anziani) e le borse di studio per i figli dei commericalisti o per gli stessi commercialisti per sostenere la formazione professionale e a favore dei figli orfani o di dottori commercialisti che hanno figli con problemi di handicap".

Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Netflix
Netflix, record di abbonati nel 4 trimestre, anche fuori dagli Usa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, molti batteri presenti nel neonato vengono dalla madre
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Immunoterapia, un libro sulla quarta arma contro il cancro
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale