giovedì 08 dicembre | 19:38
pubblicato il 27/feb/2014 13:00

Green economy: Rapporto, contro crisi puntare su eco-innovazione citta'

Green economy: Rapporto, contro crisi puntare su eco-innovazione citta'

(ASCA) - Roma, 27 feb 2014 - Una politica ambientale come quella italiana ''frammentaria e in gran parte determinata da misure d'emergenza, con una visione a breve termine'', genera incertezza e ''scoraggia gli investimenti green''. Lo evidenzia la seconda edizione del Rapporto sulla Green Economy ''Un Green New Deal per l'Italia'', curato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e dall'ENEA, presentato oggi a Roma. ''La Green Economy puo' rappresentare la chiave di volta per avviare un nuovo ciclo di sviluppo all'insegna della sostenibilita' e dell'innovazione tecnologica - ha detto Giovanni Lelli, Commissario ENEA, introducendo i lavori - con ricadute di lungo periodo che vanno dalla salvaguardia dell'ambiente al rilancio dell'industria e dell'occupazione.

Una formidabile spinta propulsiva ad un New Deal legato alla Green Economy puo' venire da una nuova pianificazione urbana che faccia dell'eco-innovazione tecnologica e sistemica il fulcro della trasformazione delle nostre citta' per offrire una migliore qualita' della vita ai cittadini ed un piu' sostenibile utilizzo delle risorse energetiche e non energetiche''. Con l'eco-innovazione, ha sottolineato, ''si possono trasformare le aree urbane rendendole centri di risultati economici sostenibili e, al contempo, luoghi ideali per la crescita civile dei cittadini''. Il Rapporto analizza, fra l'altro, proprio il nuovo ruolo che le citta' possono avere come volano per uno sviluppo sostenibile. In Italia il 68% della popolazione vive in un ambiente urbano, dove si produce in media il 75% dei rifiuti, e le abitazioni consumano dal 30 e al 60% di energia in piu' rispetto alla media UE. Tale concentrazione abitativa accresce i problemi ambientali, come l'inarrestabile cementificazione con insediamenti distribuiti in maniera frammentata e disordinata sul territorio, e che continua ad occupare aree libere, spesso agricole, al ritmo di 343 mq all'anno per ciascun italiano. Un Green New Deal che parte dalle citta' puo' costituire un quadro di riferimento unitario per interventi coordinati ed integrati a livello sociale, ambientale ed economico. I settori principali per tale approccio, trattati nel Rapporto sono la riqualificazione energetica delle citta', le misure di mitigazione climatica, la riduzione del consumo di materiali ed il miglioramento della gestione dei rifiuti, la mobilita' urbana, i rapporti tra l'ambiente urbano e quello agricolo, il patrimonio culturale, la gestione sostenibile della risorsa idrica, la riqualificazione delle aree degradate e l'impiego di tecniche e tecnologie tipiche dell'ICT.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Ocse
Ocse, superindice in lieve aumento a ottobre ma in Italia -0,04%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni