giovedì 08 dicembre | 17:59
pubblicato il 24/set/2014 13:09

Green economy: olio alimentare riciclato per far volare A330 Finnair

(ASCA) - Roma, 24 set 2014 - In concomitanza con il vertice sul clima delle Nazioni Unite tenutosi a New York, Finnair ha operato ieri un volo da Helsinki a New York con un Airbus A330 alimentato con biocarburante ecosostenibile, in parte derivante da olio da cucina riciclato. La maggior parte dell'impatto ambientale di una compagnia aerea e' da attribuirsi alle emissioni degli aeromobili in volo. Il passaggio a una fonte di combustibile piu' sostenibile e' in grado di ridurre le emissioni nette di CO2 tra il 50 e l'80%.

Il biocarburante utilizzato per il volo verso New York, fornito da SkyNRG Nordic - joint venture tra SkyNRG e Statoil Aviation - e' in parte prodotto con olio da cucina riciclato, ottenuto dai ristoranti. Si tratta - spiega Finnair - di un biocarburante, alternativo ai propellenti tradizionali, che riduce notevolmente le emissioni nette e i gas responsabili dell'effetto serra. Finnair - che ha effettuato il primo volo con biocarburante nel 2011 - e i suoi partner insistono sulla coltivazione di fonti di biocarburante che non siano in concorrenza con la produzione alimentare, ne' arrechino danni alla biodiversita'. A ostacolare la diffusione del biocarburante per l'aviazione e' il suo costo, attualmente piu' del doppio rispetto al combustibile convenzionale, che quindi non rende conveniente il suo utilizzo quotidiano. ''Il vertice ONU sul clima e' un incontro importante per combattere i cambiamenti climatici, e abbiamo voluto cogliere l'occasione per evidenziare i benefici dell'adozione di biocarburanti nel settore dell'aviazione'', ha affermato il vicepresidente dello sviluppo sostenibile di Finnair Kati Ihamaki. ''Poiche' il traffico aereo contribuisce per il 2% alle emissioni totali di gas serra, e' molto importante effettuare questo test con l'uso di biocarburante'', ha dichiarato il ministro finlandese per lo sviluppo internazionale Pekka Haavisto. ''Se il prezzo del petrolio aumenta e i biocarburanti diventano piu' economici, speriamo, un giorno, di poter sostituire almeno alcuni dei combustibili fossili con quelli derivati da energie rinnovabili e dai rifiuti.

Sono orgoglioso che Finnair stia assumendo la leadership in questo processo''. ''Airbus e Finnair - ha dichiarato Andrea Debbane', vice presidente degli affari ambientali di Airbus. - condividono l'ambizione del settore dell'aviazione di raggiungere una crescita a basso impatto ambientale, adoperando l'aereo piu' moderno ed efficiente in termini di consumi, ottimizzando la gestione del traffico aereo e incoraggiando l'uso commerciale di biocarburanti a prezzi accessibili''.

Assieme ai suoi partner Finnair sta attualmente valutando la possibilita' di istituire un centro di biocarburanti all'aeroporto di Helsinki. Al momento e' attiva anche nel NISA (Nordic Initiative for Sustainable Aviation), un gruppo di compagnie aeree, operatori aeroportuali, costruttori e ministeri che lavorano per accelerare lo sviluppo di biocarburanti sostenibili per l'aviazione nei Paesi nordici.

red-lcp/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Ocse
Ocse, superindice in lieve aumento a ottobre ma in Italia -0,04%
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni