martedì 06 dicembre | 15:56
pubblicato il 06/mag/2016 15:11

Grecia, pressing Fmi su Eurogruppo: serve alleggerimento debito

Lettera di Lagarde, che però attenua pretese su avanzo primario

Grecia, pressing Fmi su Eurogruppo: serve alleggerimento debito

Roma, 6 mag. (askanews) - Pressing del Fondo monetario internazionale, sui ministri delle Finanze dell'Eurogruppo affinché, nella riunione straordinaria di lunedì, concordino quell'alleggerimento dei debiti a favore della Grecia che, secondo l'istituzione di Washington, è precondizione necessaria per la prosecuzione del programma di aiuti. Il richiamo è giunto sotto forma di una lettera della direttrice Christine Lagarde, di cui il Financial Times ha pubblicato alcune frasi.

"Pensiamo - scrive la Lagarde - che finanziamenti, misure precise e alleggerimento del debito vadano discussi assieme. Secondo noi, per sostenere la Grecia con un nuovo schema del Fmi è essenziale che finanziamenti e alleggerimenti di debito dei partner europei siano realistici in quanto basati su misure realistiche".

Al tempo stesso il Fmi ha in qualche misura ammorbidito la sua posizione sui parametri di bilancio pretesi dalla Grecia, in particolare la consistenza dell'avanzo primario (la differenza tra entrate e uscite dello Stato prima delle spese per gli interessi sul debito) che potrebbe quindi non essere tassativamente del 3,5 per cento del Pil.

Le recenti richieste del Fmi - nell'ambito del nuovo programma europei di aiuti, che ha un ammontare complessivo teorico di 86 miliardi di euro - sono state aspramente criticate in Grecia e in particolare è stato preso di mira il responsabile del dipartimento europeo del Fondo, l'olandese Poul Thomsen, ritenuto un falco dell'intransigenza.

Il tutto sembra offrire uno sgradevole, seppur solo parziale per ora, riproporsi della situazione dello scorso anno. In particolare incombe il pagamento di titoli di stati per 3,5 miliardi di euro a luglio.

Secondo il Ft le autorità europee vogliono evitare che la trattativa con i greci vada a sovrapporsi con lo spinoso dibattito pre referendario in Gran Bretagna, sul voto di uscita dall'Unione europea (la Brexit) che si svolgerà il 23 giugno. Quindi o si trova una intesa nel mese in corso, oppure il negoziato con Atene rischia di slittare a dopo il voto Gb, a quel punto molto vicino alla scadenza del bond.

Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Governo
Governo, Cgil: elezioni anticipate pericolosa fuga in avanti
Cnel
Referendum, Napoleone: popolo ha riconosciuto il ruolo del Cnel
Fs
Fs: venerdì treni regolari, revocato sciopero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Veronafiere, Wine2Wine: Germania mercato maturo e complesso
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni