domenica 04 dicembre | 13:21
pubblicato il 23/mag/2016 11:58

Grecia, Moscovici plaude a misure approvate: "Accordo possibile"

Domani Eurogruppo cercherà compromesso su alleggerimento debito

Grecia, Moscovici plaude a misure approvate: "Accordo possibile"

Roma, 23 mag. (askanews) - L'approvazione del Parlamento della Grecia di nuove misure di salvaguardia sui conti pubblici rappresenta "una tappa" chiave del programma in corso, e secondo il commissario europeo agli Affari economici Pierre Moscovici a questo punto "ci sono le condizioni" per un accordo all'Eurogruppo di domani.

Nel corso della notte il Parlamento ellenico ha approvato un testo di 7.000 pagine, che include misure per rilanciare le privatizzazioni e una serie di clausole di salvaguardia sulle imposte indirette (come in Italia sull'Iva) per evitare gli sforamenti di deficit.

Provvedimenti che consentono ad Atene di presentarsi con "i compiti a casa fatti" all'Eurogruppo, in cui spera di raggiungere un accordo su quell'alleggerimento del debito invocato fin dalla difficilisima trattativa per il nuovo programma di aiuti, dell'estate 2015.

Negli ultimissimi giorni le distanze sembrano essersi accorciate tra il Fondo monetario internazionale, che reclama un consistente "debit relief" per continuare a partecipare al sostegno (ora retto solo dall'Ue) e i partner europei, tra cui la Germania il cui governo vuole evitare un nuovo voto del Bundestag sugli aiuti ai greci prima delle elezioni. Anzi, Berlino vorrebbe rinviare qualunque ipotesi di manovre sul debito ellenico al 2018.

Secondo alcune indiscrezioni di stampa, in occasione del G7 finanziario di Sendai, in Giappone, si sarebbe discusso di un possibile compromesso che prevederebbe un mini alleggerimento del debito, facendo leva sulla restituzione alla Grecia degli interessi dei suoi titoli di Stato posseduti dalla Bce. Ma anche un trasferimento di parte del debito greco posseduto dal Fmi al partner Ue.

Il tutto mentre si avvicina la fase più accesa della campagna referendaria in Gran Bretagna sulla permanenza nell'Unione europea. Il voto sulla Brexit sarà il 23 giugno e secondo alcuni osservatori indirettamente lo spettro di questo evento, che potrebbe avere conseguenze economiche nefaste un po per tutti, come appena ribadito dal G7, potrebbe aiutare la Grecia ad avere una Commissione europea "più conciliatoria".

Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari