domenica 11 dicembre | 13:29
pubblicato il 14/ago/2015 19:01

Grecia, ministri Eurogruppo ottimisti su accordo salvataggio

Dopo il sì di questa mattina da parte del Parlamento greco

Grecia, ministri Eurogruppo ottimisti su accordo salvataggio

Roma, 14 ago. (askanews) - Atmosfera di moderato ottimismo tra i ministri finanziari dell'eurozona che dal primo pomeriggio sono riuniti a Bruxelles per emettere il loro verdetto sull'accordo raggiunto tra Atene e i suoi creditori: un pacchetto di finanziamenti da 85 miliardi di euro in tre anni in cambio di riforme dure e ad ampio spettro. L'intesa era stata già approvata in mattinata, dopo una notte di serrato dibattito, dal Parlamento di Atene grazie ai voti dell'opposizione (222 voti a favore, 64 contrari e 11 astensioni). La Grecia deve rimborsare giovedì prossimo 3,4 miliardi di euro alla Banca centrale europea (Bce) e punta a ottenere una prima rata degli aiuti in tempo per evitare il default.

Il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble si è detto "fiducioso" che oggi a Bruxelles verrà trovato un accordo. Schaeuble aveva espresso la sua preferenza per un prestito-ponte ad Atene piuttosto che un terzo piano di salvataggio. "Sono fiducioso nel fatto che riusciremo ad arrivare a una conclusione oggi", ha dichiarato il ministro delle Finanze tedesco al suo arrivo alla riunione dell'Eurogruppo a Bruxelles. "Se non troveremo una soluzione oggi, dovremo provvedere a un prestito-ponte".

Ma un tale prestito viene escluso dal premier greco Alexis Tsipras, che prima del voto parlamentare ha sostenuto che tale ipotesi porterebbe il Paese a "una crisi senza fine".

L'alto livello del debito pubblico della Grecia resta comunque un "grande punto di preoccupazione, ha detto il presidente dell'eurogruppo, l'olandese Jeroen Dijsselbloem. "La sostenibilità del debito è tuttora un grande punto di preoccupazione, specialmente per il Fondo Monetario Internazionale" ha affermato che sarebbe importante che l'istituzione di Washington e l'Europa trovassero un approccio comune a ogni forma di alleggerimento del debito.

La direttrice del Fondo Monetario Internazionale, Christine Lagarde, segue il vertice in teleconferenza: l'istituzione di Washington resta riluttante a partecipare al terzo salvataggio della Grecia a meno che gli europei non concordino su qualche forma di alleggerimento del colossale debito pubblico di Atene, pari al 170% del Pil. L'ipotesi di alleggerimento del debito greco vede per ora contraria la Germania, ostile a ogni riduzione che potrebbe potenzialmente costare miliardi ai detentori dei titoli greci.

(con fonte Afp)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina