martedì 06 dicembre | 15:30
pubblicato il 07/lug/2015 12:12

Grecia, FT: la nuova dracma può nascere "nell'arco di una notte"

Primo passo con codice a 3 lettere. Ma divorzio richiede tempo

Grecia, FT: la nuova dracma può nascere "nell'arco di una notte"

Roma, 7 lug. (askanews) - Tre lettere. Un semplice codice alfabetico valutario da reimpostare nei terminali delle banche. Sarebbe questo il primo ipotetico passo della Grecia per uscire dall'euro, e adottare una nuova moneta nazionale, una nuova dracma. Secondo il Financial Times questa operazione potrebbe essere compiuta in maniera relativamente agile: "nell'arco di una notte".

Ma riadattare alla nuova valuta tutti i sistemi di pagamento sarebbe un altro paio di maniche. Richiederebbe un duro lavoro, ad esempio a livello regolamentare sui vari tipi di contratti finanziari pluriennali, come gli swap sui tassi di interesse o le opzioni.

Intanto una manovra di questo genere aprirebbe una sorta di vaso di Pandora, rischiando di spingere le imprese di mezzo mondo attive in Europa a mettersi al riparo da eventuali future ulteriori defezioni dall'euro. Secondo gli analisti sentiti dal quotidiano, potrebbe finire per crearsi un nuovo mercato di titoli ad hoc studiati per "prezzare" le probabilità di fuoriuscite di singoli Stati dalla valuta condivisa.

Un ginepraio di potenziali diatribe che contrasta con l'apparente semplicità del primo passo che potrebbe sancire la deriva in questa direzione: la scelta del nuovo codice valutario. Il FT si spinge a suggerirne uno possibile: GRN invece del GRD della "vecchia" dracma. Un codice simile a quello dell'euro (EUR) o del dollaro americano (USD).

Inizialmente però la nuova moneta elettronica (la stampa di banconote è una questione più complessa) resterebbe estromessa dai sistemi centrali di regolamento (settlement). Le transazioni sulla nuova dracma avverrebbero quindi su base bilaterale, aumentando enormemente i rischi di esposizione a eventuale insolvenza della controparte.

Insomma, anche il semplice cambio di codice implicherebbe, da subito, una serie di insidie e incognite. Quanto poi prenderebbe l'intero processo di uscita dall'euro e adozione di una nuova valuta nazionale "è una cosa tutta da vedere. C'è voluto molto tempo per Europa e Grecia per arrivare al punto di separazione - conclude il FT -. Ma per preparare le carte del divorzio potrebbe volerci ben di più".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Governo
Governo, Cgil: elezioni anticipate pericolosa fuga in avanti
Cnel
Referendum, Napoleone: popolo ha riconosciuto il ruolo del Cnel
Fs
Fs: venerdì treni regolari, revocato sciopero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Veronafiere, Cina: vino batte riso per prima volta nella storia
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
AsiaHaptics 2016, Università di Siena premiata per guanto robotico
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni