venerdì 24 febbraio | 10:07
pubblicato il 18/ago/2015 17:52

Grecia, domani voto Bundestag su piano, Merkel sotto pressione

Cancelliera insiste su ruolo Fmi, che deciderà solo a ottobre

Grecia, domani voto Bundestag su piano, Merkel sotto pressione

Roma, 18 ago. (askanews) - La cancelliera tedesca Angela Merkel insiste sul fatto che il Fondo Monetario Internazionale dovrà avere un ruolo nel terzo piano di salvataggio della Grecia. Ma, alla vigilia di un voto parlamentare cruciale su tale operazione da parte del Bundestag - la camera bassa del parlamento di Berlino - il mancato coinvolgimento dell'istituzione di Washington sta complicando oltremodo i piani per costruire un consenso parlamentare sufficiente. Lunedì in prima pagina il quotidiano popolare Bild ha accusato Merkel di avere tradito la promessa di coinvolgere il Fmi nel piano, che è stato approvato venerdì scorso dai ministri finanziari dell'Eurozona. E in effetti anche se quel giorno il direttore Fmi Christine Lagarde ha definito il piano "un grande passo avanti", una decisione sulla partecipazione del Fondo sarà presa solo a ottobre.

A complicare ulteriormente le cose, per il governo tedesco, c'è la richiesta, sempre da parte Fmi, di un alleggerimento del debito greco, che attualmente è pari al 170% del Pil ed è stato definito insostenibile in una recente analisi. Ma tale richiesta viene giudicata molto criticamente in Germania: l'esecutivo di Berlino pur sostenendo che un taglio del valore di rimborso ('haircut') del debito violerebbe i trattati europei si dice comunque aperto a future trattative sulla ristruttrurazione del debito. Tra le varie ipotesi di ristrutturazione teoricamente possibili, oltre alla riduzione del capitale da rimborsare, ci sono la riduzione del tasso d'interesse applicato all'estensione del periodo di rimborso.

Merkel, in un'intervista televisiva andata in onda domenica sera sulla televisione pubblica si è detta fiduciosa che il Fmi parteciperà all'operazione di salvataggio. Il coinvolgimento del Fondo è "assolutamente necessario" ha dichiarato il portavoce del ministero delle Finanze di Berlino, Marco Semmelmann, esprimendo una posizione condivisa da un certo numero di esponenti della Cdu-Csu, il partito della cancelliera. Ma alcuni parlamentari della maggioranza non ci stanno. E' il caso di Michael Fuchs della Cdu, che in un'intervista a Bloomberg tv ha dichiarato di non aver ancora deciso come votare mercoledì ipotizzando che senza un chiaro segnale di coinvolgimento del Fondo il numero di "no" all'accordo sulla Grecia potrebbe aumentare ancora.

Uno dei motivi di tale insistenza, spiega l'economista di Natixis Sylvain Broyer, è che Berlino considera il Fondo Monetario come una polizza di assicurazione dal momento che il suo coinvolgimento offrirebbe una "implicita garanzia che i fondi di salvataggio saranno restituiti". Per i partner di coalizione della Merkel, i socialdemocratici, un coinvolgimento Fmi appare meno cruciale come ha dichiarato il vice capogruppo parlamentare Spd Carsten Schneider, secondo il quale la partecipazione del Fondo non è qaulcosa che potrebbe portare a un insuccesso nel voto. (con fonte Afp)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
Mps
Mps, Ft: Bruxelles e Bce divise sul salvataggio
P.A.
P.A., Madia: ok a ultimi cinque decreti, completata la riforma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech