giovedì 23 febbraio | 05:46
pubblicato il 16/gen/2013 15:23

Grandi opere: Airaudo, responsabilita' civile per chi spreca risorse

(ASCA) - Torino, 16 gen - Una responsabilita' civile per i progettisti di opere pubbliche di cui si accerti l'inutilita'. E' quanto ha proposto Giorgio Airaudo ex segretario Fiom e oggi candidato nelle liste Sel in una manifestazione per la presentazione dei candidati del partito a Torino. ''Mi piacerebbe esplorare nel parlamento italiano - ha detto Airaudo - la possibilita' di costruire sulle grandi opere che mobilitano ingenti risorse la responsabilita' civile di chi decide, facendo previsioni che non si realizzano. Chi ha speso male i soldi pubblici ne deve rispondere''. ''Se i sismologi hanno una responsabilita' rispetto a un evento molto meno prevedibile come un terremoto - ha osservato l'ex sindacalista - qualcuno puo' essere chiamato a rispondere per aver calcolato male le necessita' di trasporto delle merci e quindi i consulenti pagati profumatamente devono anche sapere che possono rispondere con il loro patrimonio quando firmano ipotesi di progetto''.

eg/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Alitalia
Alitalia, domani sciopero di 4 ore. Sindacati pronti a nuovi stop
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech