domenica 19 febbraio | 13:24
pubblicato il 16/nov/2012 10:47

Governo/Grilli:Dopo elezioni proseguire strada obbligata riforme

Il ministro al FT: prossimo governo tagli spesa per ridurre tasse

Governo/Grilli:Dopo elezioni proseguire strada obbligata riforme

Roma, 16 nov. (askanews) - Il prossimo governo dovrà tagliare la spesa pubblica, in modo da aver margini per ridurre le tasse, afferma il ministro dell'economia Vittorio Grilli in una intervista al Financial Times. E "chiunque sarà a guidarlo, tra sei mesi" dovrà proseguire su quello che è "un percorso obbligato"; perché parte della strategia dell'esecutivo attuale è stata quella di avviare "riforme che non si potevano non fare". Fare progressi sulle riforme richiede "una forte legittimazione politica, ed è per questo che le elezioni sono benvenute". Grilli, che ieri era a Londra, non ha escluso che alcuni dei membri del governo tecnico attuale possano restare in carica. Quanto ai conti, dopo le elezioni non dovrebbero rendersi necessarie manovre correttive, dato che l'Italia dovrebbe raggiungere una posizione di equilibrio sul bilancio a livello strutturale. E l'area euro, se oggi viene guardata come una zone economica che cresce solo a rilento, con le riforme fatte tra 10 anni il quadro sarà "molto diverso - prevede Grilli - l'eurozona verrà vista come avanguardia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: sistema sostenibile, altri vorrebbero copiarlo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia