martedì 21 febbraio | 11:19
pubblicato il 25/mar/2011 13:23

Governo/ Confindustria attacca: No ad aumento costi politica

"Non cancellare tagli. Risorse siano indirizzate a crescita"

Governo/ Confindustria attacca: No ad aumento costi politica

Roma, 25 mar. (askanews) - Confindustria critica il governo per la decisione di cancellare i tagli ai costi della politica. Gli industriali chiedono infatti "che non vengano ripristinate le norme vigenti prima dei tagli operati con la Finanziaria 2010", perchè "è inaccettabile che si aumenti il numero dei consiglieri comunali e dei componenti delle giunte delle grandi città". "Sarebbe altresì inaccettabile - aggiunge Viale dell'Astronomia in una nota - che si aumentassero gli emolumenti degli amministratori locali a tutti i livelli". "I costi della politica vanno ridotti, non aumentati - conclude Confindustria - specie in un momento in cui a imprese e cittadini sono richiesti sacrifici per far fronte ai problemi del bilancio pubblico. Se c'è disponibilità di risorse, queste devono essere utilizzate per investire nella crescita del paese e delle comunità locali".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia