lunedì 05 dicembre | 10:12
pubblicato il 17/mar/2014 16:34

Governo: Confartigianato, contro disoccupazione giovani imiti Germania

(ASCA) - Roma, 17 mar 2014 - ''Liberare l'apprendistato da costi e vincoli introdotti dalla riforma Fornero, rilanciare l'alternanza scuola-lavoro, valorizzare le competenze, 'importare' in Italia l'esperienza tedesca del sistema di formazione ''duale' che consente ai giovani di conseguire un titolo di studio imparando un mestiere''. Sono le strade per affrontare il dramma della disoccupazione giovanile e valorizzare la qualita' manifatturiera made in Italy indicate dal Presidente di Confartigianato, Giorgio Merletti in occasione dell'incontro tra il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi e la Cancelliera tedesca, Angela Merkel. Il Presidente Merletti, che nei giorni scorsi e' intervenuto alla 66* Fiera Internazionale dell'Artigianato di Monaco di Baviera, ha sottolineato gli ambiti di impegno comune tra Confartigianato e l'Organizzazione tedesca dell'artigianato ZDH. ''A cominciare proprio - ha detto - dalla valorizzazione del sistema duale, diffuso nel Tirolo e in Aldo Adige, come efficace collegamento tra il mondo della scuola ed il mondo delle imprese e che puo' rappresentare uno strumento concreto per il rilancio della politica industriale e per ridurre sensibilmente la disoccupazione giovanile''. A questo proposito, il leader di Confartigianato ha proposto di valorizzare il ''Mastercraft certificate' (diploma di maestro artigiano) come esempio di ''buona pratica' in Europa. ''Bisogna utilizzare l'opportunita' dell'attuazione della Youth Guarantee - ha detto Merletti - per definire un sistema di orientamento e di sostegno al lavoro che, al pari degli altri Paesi europei, offra ai giovani un percorso di continuita' e coerenza tra istruzione, formazione, esperienze on the job e inserimento lavorativo con contratto di apprendistato. L'apprendistato e' lo strumento fondamentale per avvicinare i giovani al mondo del lavoro e per trasmettere le competenze tipiche delle attivita' che hanno fatto grande il made in Italy nel mondo.

L'Italia deve investire su questo contratto che coniuga il sapere e il saper fare, e che ha formato generazioni di lavoratori ma e' stato anche la ''palestra' per migliaia di giovani che hanno creato a loro volta un'impresa''. ''L'Italia e la Germania - ha sottolineato il Presidente Merletti - sono, tra i G20, i due Paesi europei con il maggiore valore aggiunto manifatturiero al mondo, insieme a Cina, Corea del Sud e Giappone. Questo nostro record va difeso con iniziative in materia di mercato del lavoro e di formazione professione per facilitare l'ingresso dei giovani nel mondo del lavoro in generale e, in particolare, nelle imprese artigiane. Cosi' come e' importante - ha aggiunto il Presidente Merletti - individuare azioni per l'internazionalizzazione, per l'accesso al credito, per la semplificazione burocratica e la Better Regulation con la riduzione dei numerosi oneri amministrativi a carico delle imprese. I piccoli imprenditori hanno bisogno di regole piu' chiare e piu' semplici. Non di nuove regole''. red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari