martedì 24 gennaio | 11:00
pubblicato il 17/mar/2014 16:34

Governo: Confartigianato, contro disoccupazione giovani imiti Germania

(ASCA) - Roma, 17 mar 2014 - ''Liberare l'apprendistato da costi e vincoli introdotti dalla riforma Fornero, rilanciare l'alternanza scuola-lavoro, valorizzare le competenze, 'importare' in Italia l'esperienza tedesca del sistema di formazione ''duale' che consente ai giovani di conseguire un titolo di studio imparando un mestiere''. Sono le strade per affrontare il dramma della disoccupazione giovanile e valorizzare la qualita' manifatturiera made in Italy indicate dal Presidente di Confartigianato, Giorgio Merletti in occasione dell'incontro tra il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi e la Cancelliera tedesca, Angela Merkel. Il Presidente Merletti, che nei giorni scorsi e' intervenuto alla 66* Fiera Internazionale dell'Artigianato di Monaco di Baviera, ha sottolineato gli ambiti di impegno comune tra Confartigianato e l'Organizzazione tedesca dell'artigianato ZDH. ''A cominciare proprio - ha detto - dalla valorizzazione del sistema duale, diffuso nel Tirolo e in Aldo Adige, come efficace collegamento tra il mondo della scuola ed il mondo delle imprese e che puo' rappresentare uno strumento concreto per il rilancio della politica industriale e per ridurre sensibilmente la disoccupazione giovanile''. A questo proposito, il leader di Confartigianato ha proposto di valorizzare il ''Mastercraft certificate' (diploma di maestro artigiano) come esempio di ''buona pratica' in Europa. ''Bisogna utilizzare l'opportunita' dell'attuazione della Youth Guarantee - ha detto Merletti - per definire un sistema di orientamento e di sostegno al lavoro che, al pari degli altri Paesi europei, offra ai giovani un percorso di continuita' e coerenza tra istruzione, formazione, esperienze on the job e inserimento lavorativo con contratto di apprendistato. L'apprendistato e' lo strumento fondamentale per avvicinare i giovani al mondo del lavoro e per trasmettere le competenze tipiche delle attivita' che hanno fatto grande il made in Italy nel mondo.

L'Italia deve investire su questo contratto che coniuga il sapere e il saper fare, e che ha formato generazioni di lavoratori ma e' stato anche la ''palestra' per migliaia di giovani che hanno creato a loro volta un'impresa''. ''L'Italia e la Germania - ha sottolineato il Presidente Merletti - sono, tra i G20, i due Paesi europei con il maggiore valore aggiunto manifatturiero al mondo, insieme a Cina, Corea del Sud e Giappone. Questo nostro record va difeso con iniziative in materia di mercato del lavoro e di formazione professione per facilitare l'ingresso dei giovani nel mondo del lavoro in generale e, in particolare, nelle imprese artigiane. Cosi' come e' importante - ha aggiunto il Presidente Merletti - individuare azioni per l'internazionalizzazione, per l'accesso al credito, per la semplificazione burocratica e la Better Regulation con la riduzione dei numerosi oneri amministrativi a carico delle imprese. I piccoli imprenditori hanno bisogno di regole piu' chiare e piu' semplici. Non di nuove regole''. red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4