lunedì 27 febbraio | 06:11
pubblicato il 17/mag/2013 18:05

Governo: Cgil, da decreto luci ed ombre. Aprire confronto

(ASCA) - Roma, 17 mag - ''Luci e ombre quelle che emergono dal decreto del consiglio dei ministri''. E' il commento in una nota della Cgil sul decreto approvato oggi dal Cdm. Per il sindacato ''positiva e' senza alcun dubbio la proroga dei contratti per i precari della Pubblica amministrazione al 31 dicembre: una richiesta avanzata con forza nei giorni scorsi dalla Cgil e che vede un primo riconoscimento nelle decisioni odierne del governo, a cui nelle prossime settimane dovra' far seguito l'apertura di un confronto per la loro progressiva stabilizzazione''. Il Governo, inoltre, prosegue la nota di corso d'Italia, ''accoglie anche le richieste della Cgil in merito al rifinanziamento dei fondi destinati a incentivare i contratti di solidarieta'. E' un fatto positivo che consentira' di usare questo strumento per la soluzione di molte crisi aziendali''. Quanto agli ammortizzatori in deroga, ''il rifinanziamento non ha avuto piena copertura. Tuttavia le cifre stanziate rappresentano un primo passo che, in questi mesi, potranno dare prime certezze ai lavoratori sul loro destino''.

Inoltre, continua la Cgil, ''e' evidente che, per dare a quei lavoratori e alle loro famiglie le indispensabili sicurezze, il quadro degli stanziamenti dovra' essere completato nelle prossime settimane''. Nella Cgil pero' ''seria perplessita' suscita la logica con cui sono stati individuati i capitoli di spesa da cui trarre parte delle coperture per gli ammortizzatori. Si continua, infatti, a restare in una logica di pura sottrazione di risorse per il lavoro. Una scelta non condivisibile e non produttiva''. Infine sull'Imu, ''se e' apprezzabile il rinvio del pagamento dell'imposta sulla prima casa, pur con il rischio di creare in autunno un nuovo ingorgo di tassazione che penalizzerebbe nuovamente i redditi da lavoro e i pensionati, il governo ha operato una scelta di puro rinvio sul destino e l'assetto complessivo dell'imposta. Nota e' la posizione della Cgil che prevede l'esenzione per i soli possessori della prima casa e una maggiore progressivita' sui restanti immobili. Anche su questo - conclude la Cgil - tema andra' aperto con il governo un serrato confronto''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech