lunedì 16 gennaio | 17:06
pubblicato il 26/set/2013 13:48

Governo: Cgia, se cade arriveranno 7,2 mld di tasse in piu' per famiglie

(ASCA) - Roma, 26 set - ''Se la settimana prossima il premier Letta dovesse essere costretto a rassegnare le dimissioni nel 2014 gli italiani potrebbero subire una vera e propria stangata. Tra il ritorno dell'Imu sulla prima casa e l'aumento dell'Iva che scatterebbe dal 1* gennaio, si troverebbero a pagare 9,4 miliardi di euro in piu'. Di questi, 7,2 miliardi sarebbero in capo alle famiglie e l'aggravio medio annuo per ciascun nucleo si aggirerebbe attorno ai 280 euro''.

Lo afferma in una nota il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi, spiegando che ''potrebbero essere questi gli effetti fiscali sulle tasche degli italiani a seguito dell'eventuale caduta del governo Letta''. ''Dando per scontato che domani la Presidenza del Consiglio dei Ministri approvera' una misura che spostera' l'aumento dell'Iva a partire dal 1* gennaio, nel 2014 potremmo ritrovarci a pagare l'Imu sulla prima casa e a subire l'aumento dell'Iva dal 21% al 22%'', conclude.

com-drc/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Calenda: no a nuova rinazionalizzazione
Fca
Fca, Calenda: Berlino si occupi di Volkswagen
Luxottica
Luxottica ed Essilor verso fusione, Luxottica vola in borsa (+13%)
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Germania in guerra contro Fca: "Richiamare 500, Doblò e Renegade"
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, mobilità sempre più ecosostenibile DriveNow