venerdì 24 febbraio | 12:10
pubblicato il 26/set/2013 13:48

Governo: Cgia, se cade arriveranno 7,2 mld di tasse in piu' per famiglie

(ASCA) - Roma, 26 set - ''Se la settimana prossima il premier Letta dovesse essere costretto a rassegnare le dimissioni nel 2014 gli italiani potrebbero subire una vera e propria stangata. Tra il ritorno dell'Imu sulla prima casa e l'aumento dell'Iva che scatterebbe dal 1* gennaio, si troverebbero a pagare 9,4 miliardi di euro in piu'. Di questi, 7,2 miliardi sarebbero in capo alle famiglie e l'aggravio medio annuo per ciascun nucleo si aggirerebbe attorno ai 280 euro''.

Lo afferma in una nota il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi, spiegando che ''potrebbero essere questi gli effetti fiscali sulle tasche degli italiani a seguito dell'eventuale caduta del governo Letta''. ''Dando per scontato che domani la Presidenza del Consiglio dei Ministri approvera' una misura che spostera' l'aumento dell'Iva a partire dal 1* gennaio, nel 2014 potremmo ritrovarci a pagare l'Imu sulla prima casa e a subire l'aumento dell'Iva dal 21% al 22%'', conclude.

com-drc/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
Mps
Mps, Ft: Bruxelles e Bce divise sul salvataggio
P.A.
P.A., Madia: ok a ultimi cinque decreti, completata la riforma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech