sabato 03 dicembre | 07:55
pubblicato il 12/mar/2014 12:20

Governo: Centrella, Spending review non annulli benefici fiscali

(ASCA) - Roma, 12 mar 2014 - ''Ci auguriamo che con i tagli della spending review, attraverso i quali il governo avrebbe individuato le risorse, non vadano ad intaccare gli interessi di quelle stesse persone alle quali Renzi sarebbe intenzionato ad alleggerire le tasse. Qualsiasi beneficio in busta paga sarebbe annullato da un taglio ai servizi''.

Questi in sintesi i timori che Giovanni Centrella, segretario generale dell'Ugl, ha espresso sull'esito del Cdm di oggi pomeriggio nel corso di un intervista a SkyTg24.

Quanto agli auspici, ''ci aspettiamo - ha sottolineato il sindacalista - che i vantaggi vadano in una soluzione unica prioritariamente a chi fa muovere il mercato con i consumi, quindi ai cittadini ovvero lavoratori, pensionati e famiglie, perche' se per assurdo con un taglio dell'Irap tutte le imprese riuscissero ad assumere e a produrre di piu', poi non saprebbero a chi vendere i loro prodotti. Senza soldi in tasca, lavoratori, pensionati e famiglie continueranno a contrarre i consumi''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari