sabato 10 dicembre | 00:04
pubblicato il 24/set/2012 16:13

Governo/ Catania: Ottimo coordinamento ministri su negoziato Ue

Ministro positivo su nuova Pac: "I pezzi stanno andando a posto"

Governo/ Catania: Ottimo coordinamento ministri su negoziato Ue

Bruxelles, 24 set. (askanews) - Il ministro delle Politiche agricole, Mario Catania, si è mostrato oggi a Bruxelles piuttosto ottimista sull'esito dei negoziati in sede Ue per la nuova Pac (Politica agricola comune), attribuendo il merito del loro buon andamento per l'Italia al forte coordinamento con i suoi colleghi dei diversi dicasteri interessati, sotto la regia di Enzo Moavero Milanesi, titolare degli Affari europei. "I diversi pezzi stanno andando al loro posto e sono convinto che a poco a poco li sistemeremo tutti", ha detto il ministro, parlando con i cronisti in una pausa del Consiglio agricoltura dell'Ue, in corso a Bruxelles, dove Catania tornerà il 3 ottobre per un incontro bilaterale con il commissario all'Agricoltura, Dacian Ciolos. Il ministro ha spiegato di essere "positivo" perché, ha ricordato, "stiamo facendo, un lavoro di strettissimo coordinamento tra i ministri interessati, che a mia memoria non era mai stato fatto prima". C'e' "un pool dei ministri coinvolti nel negoziato, che si riunisce sistematicamente, coordinato da Moavero", ha continuato Catania, così che "i ministri non sono mai a Bruxelles da soli, a interfacciarsi con l'Ue; c'è una cabina di regia forte, è un lavoro fatto bene e sono convinto che ne vedremo i risultati". Il negoziato, ha avvertito il ministro, resta legato a quello complessivo sul quadro finanziario multiannuale di bilancio dell'Ue (2014-2020), che determinerà "il modello generale della Pac, la spesa totale agricola e la sua ripartizione fra gli Stati membri". Intanto, un primo risultato importante è stato la marcia indietro della Commissione europea sulla proposta di deregolamentare i diritti di impianto delle vigne dal 2018. Bruxelles ha finalmente accettato, nei giorni scorsi, l'approccio sostenuto dall'Italia e dagli altri paesi produttori di vino. "Abbiamo scalato la montagna, ora la Commissione è d'accordo con coi e con gli altri paesi che hanno fatto questa crociata per mantenere il settore vitivinicolo sotto controllo; ora c'è da fare l'ultimo pezzo di strada, per mettersi d'accordo con la Commissione sui dettagli", ha concluso Catania.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Cambi
L'euro continua a calare dopo le mosse Bce, sotto 1,06 dollari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina