venerdì 02 dicembre | 20:52
pubblicato il 16/nov/2013 13:07

Governo: Baretta, dobbiamo valorizzare patrimonio immobiliare pubblico

(ASCA) - Venezia, 16 nov - ''Abbiamo il dovere di conservare e valorizzare lo straordinario patrimonio immobiliare pubblico italiano, consapevoli anche del suo potenziale per il rilancio economico del paese''. Lo ha detto questa mattina il sottosegretario all'Economia e Finanze, Pier Paolo Baretta, intervenendo al convegno ''La valorizzazione dei beni dello Stato'', organizzato a Venezia dall'Istituto Italiano dei Castelli e dall'Ateneo Veneto. E' stata l'occasione per rendere conto della strategia del Governo in materia di valorizzazione del patrimonio pubblico e per assicurare che ''abbiamo a cuore questo argomento: gli atti e le decisioni che stiamo prendendo lo testimoniano. In quest'ottica il governo ha preso in mano il dossier con determinazione, cercando di percorrere una doppia direzione: quella delle vendite e quella, parallela, delle concessioni di lungo periodo con valorizzazione del bene. E' chiaro infatti che la sola strategia della vendita sarebbe monca - ha continuato il sottosegretario Baretta - non solo per le condizioni sfavorevoli del mercato, ma anche perche' rinuncerebbe all'aspetto fondamentale della valorizzazione. Le concessioni, d'altro canto, devono prevedere una compartecipazione dei progetti, per condivere, discutere, con una progettualita' viva''.

Tre, nel dettaglio, i punti su cui si basa la strategia del governo. ''Il primo e' il federalismo demaniale: i Comuni possono chiedere entro il 30 novembre l'assegnazione di beni a titolo gratuito. Sono circa seicento le domande gia' pervenute. Il secondo e' la disponibilita' degli imobili non utilizzati o in via di dismissione da parte della Difesa: un risultato reso possibile dall'avvio di una nuova fase di collaborazione tra Ministeri. E' aperto anche un confronto con il Ministero dei beni culturali. Infine, il demanio marittimo, su cui c'e' una polemica strumentale e sbagliata, perche' e' evidente che spiagge e arenili non sono vendibili, ma nulla vieta che si possa aprire un ragionamento, protagonisti gli Enti locali, su altri elementi non strategici''.

Non esiste pero' solo il patrimonio pubblico: ''Noi pensiamo di avere doveri sul patrimonio privato, su cui esistono problemi di conservazione rilevanti. Forse si potrebbe pensare a un diverso approccio fiscale, insieme a un rapporto piu' stretto con le Sovrintendenze e gli operatori del settore''.

fdm/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Censis
Censis: ko economico giovani,più poveri di coetanei di 25 anni fa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari