martedì 17 gennaio | 16:49
pubblicato il 16/nov/2013 13:07

Governo: Baretta, dobbiamo valorizzare patrimonio immobiliare pubblico

(ASCA) - Venezia, 16 nov - ''Abbiamo il dovere di conservare e valorizzare lo straordinario patrimonio immobiliare pubblico italiano, consapevoli anche del suo potenziale per il rilancio economico del paese''. Lo ha detto questa mattina il sottosegretario all'Economia e Finanze, Pier Paolo Baretta, intervenendo al convegno ''La valorizzazione dei beni dello Stato'', organizzato a Venezia dall'Istituto Italiano dei Castelli e dall'Ateneo Veneto. E' stata l'occasione per rendere conto della strategia del Governo in materia di valorizzazione del patrimonio pubblico e per assicurare che ''abbiamo a cuore questo argomento: gli atti e le decisioni che stiamo prendendo lo testimoniano. In quest'ottica il governo ha preso in mano il dossier con determinazione, cercando di percorrere una doppia direzione: quella delle vendite e quella, parallela, delle concessioni di lungo periodo con valorizzazione del bene. E' chiaro infatti che la sola strategia della vendita sarebbe monca - ha continuato il sottosegretario Baretta - non solo per le condizioni sfavorevoli del mercato, ma anche perche' rinuncerebbe all'aspetto fondamentale della valorizzazione. Le concessioni, d'altro canto, devono prevedere una compartecipazione dei progetti, per condivere, discutere, con una progettualita' viva''.

Tre, nel dettaglio, i punti su cui si basa la strategia del governo. ''Il primo e' il federalismo demaniale: i Comuni possono chiedere entro il 30 novembre l'assegnazione di beni a titolo gratuito. Sono circa seicento le domande gia' pervenute. Il secondo e' la disponibilita' degli imobili non utilizzati o in via di dismissione da parte della Difesa: un risultato reso possibile dall'avvio di una nuova fase di collaborazione tra Ministeri. E' aperto anche un confronto con il Ministero dei beni culturali. Infine, il demanio marittimo, su cui c'e' una polemica strumentale e sbagliata, perche' e' evidente che spiagge e arenili non sono vendibili, ma nulla vieta che si possa aprire un ragionamento, protagonisti gli Enti locali, su altri elementi non strategici''.

Non esiste pero' solo il patrimonio pubblico: ''Noi pensiamo di avere doveri sul patrimonio privato, su cui esistono problemi di conservazione rilevanti. Forse si potrebbe pensare a un diverso approccio fiscale, insieme a un rapporto piu' stretto con le Sovrintendenze e gli operatori del settore''.

fdm/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Fca
Fca, Berlino: richiamare Jeep Renegade, Fiat 500 e Doblò
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Avviata Consulta dei Presidenti degli Enti Pubblici di Ricerca
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa