martedì 28 febbraio | 16:04
pubblicato il 27/ago/2014 16:35

Google: risolto il bug delle immagini a ripetizione

La foto di un incidente stradale come risultato nelle ricerche (ASCA) - New York, 27 ago 2014 - Ieri le ricerche di immagini di Google sono state colpite da un bug. A centinaia di utenti in tutto il mondo sono comparse fotografie di un incidente stradale ripetuto all'infinito a fronte a una normale ricerca di immagini.

Lo riporta il Wall Street Journal.

Le foto mostravano una macchina distrutta vicino ad un cartello con scritto "stop" in russo. Non e' chiaro se l'immagine fosse autentica oppure modificata. E chi era affetto da questo bug ha pensato anche di essere vittima di un attacco hacker.

Nei forum Google il problema e' stato subito sollevato dagli utenti e un dipendente della societa' ha detto che avrebbero subito cercato di capire cosa stesse accadendo. Un portavoce per Google ha chiesto scusa per il problema ha detto che era stato risolto. Le cause del bug tuttavia non sono state ancora chiarite. A24-Pau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Brexit
Brexit può costare cara all'Italia sul contibuto al bilancio Ue
Inflazione
L'inflazione accelera, a febbraio all'1,5% ai massimi da 4 anni
Taxi
Taxi, Cgia Mestre: in Italia i costi di gestione più alti dell'Ue
Generali
Generali, Donnet: le prospettive sui conti vanno benissimo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech