venerdì 20 gennaio | 23:31
pubblicato il 21/giu/2013 12:00

Google/ Garante privacy: sanno troppo di noi, diano garanzie

Soro a Repubblica:rischiano sanzione milionaria e perdita fiducia

Google/ Garante privacy: sanno troppo di noi, diano garanzie

Roma, 21 giu. (askanews) - "Questa volta andiamo fino in fondo, Google ci deve dare risposte concrete, non evasive. Deve darci garanzie su come difende la privacy degli utenti. Se non lo farà, sei Stati europei, tra cui l'Italia, diranno ai 500 milioni di consumatori dell'Unione che Google non protegge i loro dati personali. Non credo che l'azienda californiana possa permetterselo". Antonello Soro, presidente dell'Autorità garante della privacy da un anno, si è convinto che la battaglia da vincere è quella per la trasparenza dei colossi del web, a cominciare da Google. E lo spiega in una intervista a La Repubblica. Ai manager di Google è stato chiesto innanzitutto "un elenco esaustivo e aggiornato dei prodotti e dei servizi offerti. Abbiamo chiesto - spiega Soro - informazioni su come vengono trattati i dati raccolti, se e come vengono incrociati per profilare gli utenti, le finalità per le quali li utilizzano, i tempi di conservazione dei dati trattati. E anche le misure adottate per garantire l'esercizio dei diritti. Quando un utente cancella il proprio account, i dati che fine fanno? E può scegliere di non essere profilato? Ci aspettiamo risposte precise" anche se fino ad oggi Google ha collaborato poco. "Alle perplessità dei Garanti europei risponde dicendo di rispettare i principi degli ordinamenti, ma di attenersi alla sola normativa americana. Tant'è che non possiamo fare ispezioni sui loro server. Quando ha collaborato per rimuovere dei contenuti, lo ha fatto quasi per 'spirito di cortesia', non perché si sentissero costretti", ha spiegato Soro. Google "possiede dei pezzi interi della nostra vita: sa cosa ci piace, dove andiamo in vacanza, dove ci troviamo, il nostro orientamento politico e i nostri gusti sessuali, cosa cerchiamo in Rete, chi sono i nostri contatti. E con gli account associano al profilo un nome e un cognome, senza che gli utenti ne siano consapevoli. Questo il nostro ordinamento lo vieta. Così come è una violazione non sapere in quali server siano conservati i nostri dati". Una massa di dati, in particolare quella sugli "orientamenti politici dei cittadini" che "fa gola a tutti, naturalmente". Se Google non risponde entro il 30 giugno "apriremo una procedura che potrebbe portare a una sanzione milionaria. I soldi per Google non sono certo un problema, infatti la vera sanzione sarebbe la perdita di fiducia da parte dei consumatori. Una ferita alla privacy significa limitare la libertà di tutti", conclude.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4