lunedì 20 febbraio | 08:10
pubblicato il 19/dic/2014 13:46

Google accusa Hollywood di favorire la censura su internet (FT)

Già tre anni fa c'era stata battaglia tra major e Silicon Valley

Google accusa Hollywood di favorire la censura su internet (FT)

New York, 19 dic. (askanews) - Google si scaglia contro l'industria cinematografica, rilanciando le tensioni scoppiate tre anni fa tra la Silicon Valley e Hollywood a causa di una proposta di legge contro la pirateria online. Il colosso di Mountain View accusa le major di portare avanti una campagna segreta volta a tentare di censurare in qualche misura internet.

Come riporta il Financial Times, Google sostiene anche che la Motion Picture Association of America, l'associazione che rappresenta il settore cinematografico, avrebbe fomentato il procuratore generale del Mississippi Jim Hood, che ha scritto a Google una lettera particolarmente dura.

Hood sostiene che la società avrebbe cercato deliberatamente di far passare sotto silenzio le preoccupazioni sollevate da suoi colleghi in altri stati.

Proprio questo ha scatenato l'indignazione di Google, che in un post sul suo blog firmato dal consigliere generale Kent Walker ha parlato di "una campagna segreta e coordinata per riportare in auge una legge mai approvata (il riferimento è allo Stop Online Piracy Act) con altri mezzi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia