martedì 17 gennaio | 10:36
pubblicato il 14/ott/2013 13:59

Gme: online il nuovo numero della newsletter

(ASCA) - Roma, 14 ott - E' on line, scaricabile dal sito www.mercatoelettrico.org, il nuovo numero della Newsletter del Gestore dei Mercati Energetici (GME). La newsletter si apre con un intervento del Professor Alberto Clo', coordinatore scientifico del RIE, sulla ''virtualita''' del mercato europeo del gas. Secondo Clo' ci troviamo di fronte a una ''crisi energetica'' che ''va colpendo l'Europa, causata, diversamente dal passato, non da shock esogeni ma dall'insipienza, o se si preferisce, dai ''fallimenti delle politiche pubbliche'''. L'esempio piu' importante arriva proprio dallo ''spiazzamento del metano da parte del carbone, cresciuto in Europa negli ultimi quattro anni dell'11% contro il calo dell'11% del metano, con buona pace delle ipocrisie ambientaliste di Bruxelles'', osserva il supervisor del RIE che sottolinea come, a questa situazione, si somma il crollo della domanda, l'eccesso di offerta e un duplice fallimento: ''Il primo, e' quello del moribondo mercato ETS, che avrebbe dovuto avvantaggiare il metano'' e il secondo, ''e' l'infelice ''matrimonio combinato''' con le rinnovabili. Guardando poi al nostro Paese, ammette Clo', ''le cose non vanno certo meglio che altrove. Anzi. Per piu' ragioni: i maggiori guasti provocati sulla domanda di energia dalla piu' pesante recessione e distruzione (in parte irreversibile) della base produttiva; la maggior penetrazione del metano nella generazione elettrica (2011: 50% vs. 22% EU-27) associata ad una maggior penetrazione delle rinnovabili (2011: 28% vs. 21% EU-27), l'over-investment nelle capacita' produttive sia elettriche che metanifere, prevedibile ancor prima dell'esplodere della crisi. Risultato: il sistema, tranne pochi eletti, e' in forte debito d'ossigeno, schiacciato dal crollo della domanda, restringimento dei margini, caduta verticale del tasso di utilizzo degli impianti, peso di un abnorme debito. Da qui - spiega il coordinatore scientifico del RIE -, il tentativo eroico del regolatore di conciliare l'inconciliabile: contenere i costi dei passati errori recuperandoli altrove''. Per uscire dallo stato di sofferenza del nostro mercato energetico, tuttavia, conclude Clo', gli spazi di manovra ''sono fortemente ristretti. Gia' sarebbe molto averne consapevolezza: rimuovendo l'illusoria idea che il mantra della regolazione a tutto possa rimediare e agendo sulle istituzioni europee per una sostanziale revisione delle politiche sin qua seguite e per superare uno sfilacciamento delle politiche nazionali che va a detrimento dell'Europa intera''.

All'interno del nuovo numero sono pubblicati, inoltre, i consueti commenti tecnici, relativi i mercati e le borse elettriche ed ambientali nazionali ed europee, la sezione dedicata all'analisi degli andamenti del mercato del gas italiano e la sezione di analisi sugli andamenti in Europa, che approfondisce le tendenze sui principali mercati europei delle commodities. com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Fca
Fca, Berlino: richiamare Jeep Renegade, Fiat 500 e Doblò
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Conti pubblici
Conti pubblici: Ue chiede il conto, Italia tratta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello