martedì 21 febbraio | 18:07
pubblicato il 11/feb/2014 12:00

Giovannini: pronti a tutelare lavoratori italiani in Svizzera

"L'Ue è già intervenuta"

Giovannini: pronti a tutelare lavoratori italiani in Svizzera

Roma, 11 feb. (askanews) - "Anche l'Unione europea ha messo un altolà alla Svizzera dopo questa decisione. Così ha commentato il ministro del Lavoro Enrico Giovannini, a "Prima di tutto" su Radio 1 l'esito del referendum svizzero sui lavoratori stranieri. "La cancelliera Merkel - ha proseguito - ha detto che non si può integrare la Svizzera nei flussi economici, che sono frutto di un accordo con l'Unione europea, con questo tipo di blocchi. Rispetto ai lavoratori transfrontalieri mi fa piacere che alcune autorità elvetiche abbiano già sottolineato l'urgenza di risolvere questo problema, per cui il governo svizzero sta attentamente valutando il caso sotto tutti gli aspetti e noi seguiremo gli sviluppi con interesse proprio per evitare che questa decisione possa determinare effetti negativi per i tanti lavoratori italiani che ogni giorno si recano in Svizzera per lavorare".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia