giovedì 19 gennaio | 01:24
pubblicato il 23/dic/2013 12:00

Giovannini: bene la mossa di Renzi sul lavoro

Intervista a Repubblica: contratto unico? "Pronto a discuterne"

Giovannini: bene la mossa di Renzi sul lavoro

Roma, 23 dic. (askanews) - "Promosso Renzi per aver riportato il dibattito sul lavoro, ma direi che andrebbe promosso anche il governo Letta che si è già mosso nella stessa direzione in cui vuole andare il segretario del Pd, cioè far ripartire l'occupazione". Per Enrico Giovannini, ministro del Lavoro, c'è continuità tra il 'Piano per il lavoro' che sta definendo il Partito democratico e l'azione che l'esecutivo ha messo in campo in questi mesi. In una intervista a La Repubblica Giovannini ha sottolineato di essere "davvero lieto che finalmente si parli di più di questi temi: del lavoro e di come far riprendere l'occupazione. Finora ho sentito molto parlare di Imu, di pensioni d'oro e di esodati, temi importanti sui quali siamo già intervenuti. Se penso che a giugno il nostro pacchetto lavoro è stato accolto in Parlamento da 500 emendamenti, presentati dal centro destra e dal centro sinistra, gli uni in contrapposizione agli altri, con una serie di veti incrociati, mi sembra che ci sia nuovamente voglia di affrontare questo tema. Dunque non può che essere benvenuta la mossa di Renzi". "In ogni caso - ha proseguito il ministro - non credo che ci sia bisogno di una nuova riforma complessiva del mercato del lavoro. stata già fatta ed è considerata, anche a livello internazionale, una buona riforma, ma varata nel pieno della recessione. Molte correzioni le abbiamo fatte a giugno (apprendistato, lavoro a termine, ecc.), ma bisogna continuare. Non sarà facile visto che da una parte c'è chi, come Sacconi, pensa di tornare alla legge Biagi e chi dall'altra, come Landini, di tornare all'articolo 18 com'era prima. In ogni caso ben venga la discussione, anche sulla semplificazione delle norme, su cui inizieremo ad intervenire da gennaio, come indicato nel piano 'Destinazione Italia'". Quanto infine alla proposta el contratto unico "non sono contrario a discuterne. Certo è determinante come si scrivono le norme. Bisogna comunque distinguere tra le situazioni aziendali. Per le imprese che crescono potrebbe essere vantaggioso assumere a tempo indeterminato con tutele crescenti. Cosa diversa per le aziende ancora in difficoltà".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina