mercoledì 18 gennaio | 23:29
pubblicato il 02/apr/2014 15:44

Giochi: Rava' (Federgioco), nel 1* trim. incassi stabili per casino'

(ASCA) - Roma, 2 apr 2014 - ''Vogliamo avviare una presidenza obiettiva. Dai dati del bilancio del primo trimestre dei 4 casino' italiani emerge che c'e' una stabilita' rispetto ai cali dell'ultimo triennio''. Sono le parole di Vittorio Rava', presidente di Federgioco nel corso della presentazione a Roma, in un incontro con i giornalisti, sul nuovo programma dell'associazione che rappresenta le case da gioco italiane.

''Vorrei chiarire innanzitutto - ha spiegato - un punto sulla concorrenza dei casino': sono quattro casino' di vicinanza, non esiste attivita' concorrenziale. Non ha senso parlare di chi primeggia negli incassi, ma ha invece senso riportare i casino' ad essere delle aziende. Essendo i casino' municipalizzati, nel sistema dei comuni per anni le case da gioco sono state utilizzate come bancomat, facendo uscire dai casino' piu' di quello che si poteva produrre. Il segnale che abbiamo voluto dare, nel mio caso a Venezia, e' stato quello di dover risanare il bilancio, di avviare un trend di sanificazione. Purtroppo il grande assente nella storia dei casino' da un lato e' stata la politica, che ha sempre cercato consensi, dall'altro la creazione di una sorta di corporazione dei dipendenti delle case da gioco''. Con Federgioco - ha aggiunto Rava' -, ''in riferimento a questo aspetto, abbiamo avviato la strada della concertazione per il contratto collettivo nazionale del lavoro, ma tutti otterremmo migliori risultati valutando gli aspetti sindacali e non quelli di tipo corporativo. Federgioco vuole essere vicina ai casino' con soluzioni differenziate, a seconda della casa da gioco. Avvieremo subito il nuovo programma che prevede la ripresa dei rapporti e del dialogo con il nostro ministero di riferimento, quello dell'Interno, la creazione di un tavolo interministeriale per discutere di vari aspetti tra i quali l'inserimento di nuovi giochi e slot e il ruolo di supporto che avra' Federgioco nei confronti delle 4 aziende''. Una puntualizzazione viene da Rava' sulla questione dei contanti: ''non e' mia intenzione - conclude Rava' - fare una battaglia sui contanti in un momento in cui si richiede la quasi esclusivita' dei pagamenti elettronici. Credo che si tratti di una battaglia politicamente non accettabile''. red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina