venerdì 02 dicembre | 19:04
pubblicato il 11/apr/2013 09:07

Giochi: nel 2012 'spesi' 750 mln su internet. Mercato online +1,9%

(ASCA) - Roma, 11 apr - In un mercato complessivo che registra una crescita della spesa limitata al 2%, il gioco online viene sempre piu' fruito come forma di entertainment: genera una spesa complessiva maggiore di quella per il cinema, il teatro o per le partite di calcio allo stadio, ma con giocate medie mensili inferiori ai 50 euro per 2 giocatori su tre. Ed e' sempre piu' accessibile attraverso i nuovi canali digitali: social network (+50% di pagine Facebook), smartphone, tablet e connected TV. E' quanto viene fuori dai dati dell'Osservatorio Gioco Online della School of Management del Politecnico di Milano, elaborati da Agimeg.

Circa 750 milioni di euro per tentare la fortuna online.

E' questa la spesa reale (cioe' la differenza tra quanto giocato e quanto vinto) fatta registrare dagli italiani nel 2012 per i giochi su internet. Si tratta di un dato in leggera crescita (+1,9%) rispetto al 2011. L'incidenza dell'online rispetto all'intero mercato dei giochi e' rimasta sostanzialmente stabile, attestandosi attorno al 4%. Bisogna pero' sottolineare che nel 2012, contrariamente a quanto avvenuto online, la spesa complessiva degli italiani per i giochi e' diminuita di quasi il 5%. Nel 2012 gli introiti per lo Stato derivanti dai Giochi online sono sostanzialmente rimasti invariati (182 milioni).

Il gioco via internet ha assicurato circa il 2% del gettito complessivo. Considerando solo i giochi di abilita', insieme a poker a torneo, poker cash e giochi da casino', nel 2012 la spesa e' cresciuta del 17,1% rispetto al 2011. In calo invece la spesa per le scommesse sportive, che ha registrato un -20,1% rispetto all'anno precedente, sostanzialmente a causa di un payout (vale a dire la raccolta meno le vincite tornate ai giocatori), nel 2012, particolarmente alto (86,5%). Calo accentuato anche per il Bingo, che ha registrato una contrazione nella spesa del 22,1% rispetto al 20111 (equivalente a 10,1 milioni in meno). Il bingo resta pero' al terzo posto tra le categorie di giochi a distanza piu' popolari in termini di spesa. Al primo posto sono poker a torneo, cash e giochi da casino', con una spesa di oltre 507 milioni di euro. Seguono le scommesse sportive, con circa 167 milioni spesi ed il Bingo, con 42,8 milioni. La spesa per le scom-messe ippiche, dopo i primi 4 mesi in forte diminuzione, ha recuperato e ha chiuso in parita' rispetto al 2011 (+0,2%), grazie anche all'avvio dell'offerta di scommesse ippiche a quota fissa da parte di Betflag. La spesa dell'intero 2012 ha sfiorato i 12 milioni di euro. Anche la spesa on-line nei giochi del ''Superenalotto'', del ''Superstar'', del ''Win for life'' e dell'''Eurojackpot'' e' invariata rispetto al 2011 (+0,3%, con una spesa complessiva di poco superiore ai 7,3 milioni), anche se le somme giocate sono diminuite sensibilmente, in analogia a quanto avvenuto per gli stessi giochi su rete fisica. La spesa per i ''Gratta e vinci'' si e' attestata sui 6,5 milioni, in forte calo del 41,4% (ovvero 4,6 milioni). red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Premio "CambiaMenti" CNA a TRed
Premio "CambiaMenti" CNA a TRed: made in Italy, ricerca, tecnologia
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Censis
Censis: ko economico giovani,più poveri di coetanei di 25 anni fa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
San Marino, maxistella a Led inaugurerà il Natale delle Meraviglie
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari