domenica 22 gennaio | 11:10
pubblicato il 01/lug/2013 13:30

Giochi: nel 1* sem. spesa in calo del 5,8%. Raccolta -3,7%

(ASCA) - Roma, 1 lug - Bilancio negativo per il mercato dei giochi in Italia nel primo semestre dell'anno. La raccolta registra una flessione 3,7%, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Lo scorso anno tra gennaio e giugno la spesa effettiva per il gioco ha sfiorato gli 8,9 miliardi di euro, mentre quest'anno si attesa ampiamente al di sotto degli 8,4 miliardi, con un saldo negativo del 5,8%. Tra gennaio e giugno di quest'anno, gli italiani hanno speso per tentare la fortuna 42.648 milioni, contro i 44.293 puntati del primo semestre 2012. Gli italiani stanno quindi giocando di meno, con pero' delle differenze tra i singoli concorsi. Tra i giochi - segnala Agimeg - che hanno ''tenuto'' nel confronto tra gennaio-giugno di quest'anno ed il primo semestre 2012, ci sono il Lotto (3.127 milioni raccolti nel 2012 contro i 3.130 di quest'anno), il Gratta e Vinci piu' la Lotteria Italia (5.054 milioni contro 5.050), il poker cash ed i casino' on line (6.568 milioni raccolti nel primo semestre 2012, 6.600 quest'anno). Da quest'ultimo segmento si aspettava una crescita maggiore visto l'avvio, a pieno regime, delle slot su internet. Ma le slot on line hanno di fatto cannibalizzato altri giochi on line e comunque hanno dovuto fare anche loro i conti con la crisi. Il crollo piu' forte l'hanno fatto registrare il poker modalita' ''torneo'' (-27,1% con la raccolta scesa a 505 milioni contro i 693 del primo semestre 2012) ed il SuperEnalotto piu' il Win for Life (-23,3% con un calo da 1.004 a 770 milioni). Tra gli apparecchi da intrattenimento c'e' da segnalare che al calo delle Newslot (da 13.980 a 12.700 milioni) fa da contraltare una leggera crescita della raccolta delle Vlt (da 10.450 a 10.700 milioni). In generale il settore degli apparecchi da intrattenimento perde il 4,2%.

Scommesse sportive, Totocalcio e Totogol fanno segnare una raccolta di 1.955 milioni contro i 2.023 del 2012, i giochi a base ippica passano da 522 a 448 milioni, mentre il Bingo scende dagli 872 milioni del primo semestre delle scorso anno ai 790 milioni dello stesso periodo di quest'anno. Del calo generalizzato ne ha risentito anche l'Erario. Dai 4.212 milioni incassati dal mercato dei giochi lo scorso anno nelle casse erariali finiranno, per i primi 6 mesi del 2013, poco piu' di 4 miliardi di euro, per un calo superiore al 3%.

Ma il calo piu' consistente si e' avuto nella spesa effettiva (cioe' la differenza tra quanto giocato e quanto tornato nelle tasche degli appassionati sotto forma di vincite). red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4