martedì 21 febbraio | 13:35
pubblicato il 01/lug/2013 13:30

Giochi: nel 1* sem. spesa in calo del 5,8%. Raccolta -3,7%

(ASCA) - Roma, 1 lug - Bilancio negativo per il mercato dei giochi in Italia nel primo semestre dell'anno. La raccolta registra una flessione 3,7%, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Lo scorso anno tra gennaio e giugno la spesa effettiva per il gioco ha sfiorato gli 8,9 miliardi di euro, mentre quest'anno si attesa ampiamente al di sotto degli 8,4 miliardi, con un saldo negativo del 5,8%. Tra gennaio e giugno di quest'anno, gli italiani hanno speso per tentare la fortuna 42.648 milioni, contro i 44.293 puntati del primo semestre 2012. Gli italiani stanno quindi giocando di meno, con pero' delle differenze tra i singoli concorsi. Tra i giochi - segnala Agimeg - che hanno ''tenuto'' nel confronto tra gennaio-giugno di quest'anno ed il primo semestre 2012, ci sono il Lotto (3.127 milioni raccolti nel 2012 contro i 3.130 di quest'anno), il Gratta e Vinci piu' la Lotteria Italia (5.054 milioni contro 5.050), il poker cash ed i casino' on line (6.568 milioni raccolti nel primo semestre 2012, 6.600 quest'anno). Da quest'ultimo segmento si aspettava una crescita maggiore visto l'avvio, a pieno regime, delle slot su internet. Ma le slot on line hanno di fatto cannibalizzato altri giochi on line e comunque hanno dovuto fare anche loro i conti con la crisi. Il crollo piu' forte l'hanno fatto registrare il poker modalita' ''torneo'' (-27,1% con la raccolta scesa a 505 milioni contro i 693 del primo semestre 2012) ed il SuperEnalotto piu' il Win for Life (-23,3% con un calo da 1.004 a 770 milioni). Tra gli apparecchi da intrattenimento c'e' da segnalare che al calo delle Newslot (da 13.980 a 12.700 milioni) fa da contraltare una leggera crescita della raccolta delle Vlt (da 10.450 a 10.700 milioni). In generale il settore degli apparecchi da intrattenimento perde il 4,2%.

Scommesse sportive, Totocalcio e Totogol fanno segnare una raccolta di 1.955 milioni contro i 2.023 del 2012, i giochi a base ippica passano da 522 a 448 milioni, mentre il Bingo scende dagli 872 milioni del primo semestre delle scorso anno ai 790 milioni dello stesso periodo di quest'anno. Del calo generalizzato ne ha risentito anche l'Erario. Dai 4.212 milioni incassati dal mercato dei giochi lo scorso anno nelle casse erariali finiranno, per i primi 6 mesi del 2013, poco piu' di 4 miliardi di euro, per un calo superiore al 3%.

Ma il calo piu' consistente si e' avuto nella spesa effettiva (cioe' la differenza tra quanto giocato e quanto tornato nelle tasche degli appassionati sotto forma di vincite). red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia