sabato 21 gennaio | 20:59
pubblicato il 18/apr/2014 13:57

Giochi: deserta la gara per privatizzazione Casino' di Venezia

(ASCA) - Roma, 18 apr 2014 - E' andata deserta la gara per la privatizzazione del Casino' di Venezia, il termine per la presentazione delle offerte - gia' slittato, originariamente era stato fissato al 19 marzo - scadeva oggi alle 12. ''Sara', ora, l'Amministrazione Comunale a definire come procedere nell'interesse della Citta' di Venezia'' recita un comunicato diffuso dallo stesso Comune. Con la gara - informa l'Agimeg - doveva essere affidata per un periodo di 30 anni la ''gestione dell'attivita' di gioco d'azzardo presso la casa da gioco di Ca' Vendramin Calergi (la ''Sede Principale'') e di ''Ca' Noghera'' (la ''Sede Secondaria'') mediante concessione di servizio''.

In pratica la gara prevedeva il trasferimento, appunto per 30 anni, ''dei beni strumentali all'esercizio (...) mediante l'acquisizione del 100% della partecipazione in Casino' di Venezia Gioco detenuta da Casino' Municipale Venezia''. Il concessionario avrebbe acquisito ''assumendone il rischio, il diritto di gestire il Servizio presso le Sedi della Casa da Gioco, percependone i proventi''. Previo consenso del Comune, il concessionario avrebbe potuto dismettere la Sede Secondaria di Ca' Noghera - ma non la Sede Principale - e svolgere il Servizio in una diversa sede. Il bando prevedeva inoltre che Comune mantenesse ''un potere di indirizzo, di controllo e di vigilanza sul Servizio gestito dal concessionario affinche' il suo svolgimento sia conforme in maniera puntuale alla legge, a eventuali norme regolamentari applicabili, a eventuali prescrizioni ministeriali e alle finalita' istituzionali del Comune''.

Alla scadenza della Convenzione, i beni utilizzati per la gestione del Servizio, conferiti a CdV Gioco, sarebbero stati ''devoluti al Comune o trasferiti a un terzo soggetto selezionato dal Comune mediante nuova procedura a evidenza pubblica''.

La gara aveva un valore di circa 508,5 milioni: nel bando si specificava che 140 milioni (importo fisso soggetto a rialzo) venissero versati al momento della sottoscrizione quale corrispettivo per i primi due anni. Altri 308 milioni (importo soggetto a rialzo) dovevano essere versati a partire dal terzo anno e fino alla scadenza della gestione come importo minimo degli introiti da gioco. E ancora 16,1 milioni (importo fisso) dovevano essere versati come corrispettivo della tassa annuale di concessione governativa. A partire dal settimo anno e fino alla scadenza, l'aggiudicatario avrebbe dovuto corrispondere una differenza (pari a almeno il 5%) tra i ricavi di gioco e i 140 milioni. Infine, erano previsti altri 44,3 milioni per l'acquisizione della Partecipazione di CdV Gioco.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4