martedì 06 dicembre | 03:56
pubblicato il 18/apr/2014 13:57

Giochi: deserta la gara per privatizzazione Casino' di Venezia

(ASCA) - Roma, 18 apr 2014 - E' andata deserta la gara per la privatizzazione del Casino' di Venezia, il termine per la presentazione delle offerte - gia' slittato, originariamente era stato fissato al 19 marzo - scadeva oggi alle 12. ''Sara', ora, l'Amministrazione Comunale a definire come procedere nell'interesse della Citta' di Venezia'' recita un comunicato diffuso dallo stesso Comune. Con la gara - informa l'Agimeg - doveva essere affidata per un periodo di 30 anni la ''gestione dell'attivita' di gioco d'azzardo presso la casa da gioco di Ca' Vendramin Calergi (la ''Sede Principale'') e di ''Ca' Noghera'' (la ''Sede Secondaria'') mediante concessione di servizio''.

In pratica la gara prevedeva il trasferimento, appunto per 30 anni, ''dei beni strumentali all'esercizio (...) mediante l'acquisizione del 100% della partecipazione in Casino' di Venezia Gioco detenuta da Casino' Municipale Venezia''. Il concessionario avrebbe acquisito ''assumendone il rischio, il diritto di gestire il Servizio presso le Sedi della Casa da Gioco, percependone i proventi''. Previo consenso del Comune, il concessionario avrebbe potuto dismettere la Sede Secondaria di Ca' Noghera - ma non la Sede Principale - e svolgere il Servizio in una diversa sede. Il bando prevedeva inoltre che Comune mantenesse ''un potere di indirizzo, di controllo e di vigilanza sul Servizio gestito dal concessionario affinche' il suo svolgimento sia conforme in maniera puntuale alla legge, a eventuali norme regolamentari applicabili, a eventuali prescrizioni ministeriali e alle finalita' istituzionali del Comune''.

Alla scadenza della Convenzione, i beni utilizzati per la gestione del Servizio, conferiti a CdV Gioco, sarebbero stati ''devoluti al Comune o trasferiti a un terzo soggetto selezionato dal Comune mediante nuova procedura a evidenza pubblica''.

La gara aveva un valore di circa 508,5 milioni: nel bando si specificava che 140 milioni (importo fisso soggetto a rialzo) venissero versati al momento della sottoscrizione quale corrispettivo per i primi due anni. Altri 308 milioni (importo soggetto a rialzo) dovevano essere versati a partire dal terzo anno e fino alla scadenza della gestione come importo minimo degli introiti da gioco. E ancora 16,1 milioni (importo fisso) dovevano essere versati come corrispettivo della tassa annuale di concessione governativa. A partire dal settimo anno e fino alla scadenza, l'aggiudicatario avrebbe dovuto corrispondere una differenza (pari a almeno il 5%) tra i ricavi di gioco e i 140 milioni. Infine, erano previsti altri 44,3 milioni per l'acquisizione della Partecipazione di CdV Gioco.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari