domenica 04 dicembre | 05:33
pubblicato il 04/giu/2015 12:17

Giappone, Peter Pan ispira il governatore della Banca centrale

Quando smetti di credere che puoi volare perdi il potere di farlo

Giappone, Peter Pan ispira il governatore della Banca centrale

Tokyo, 4 giu. (askanews) - Il governatore della Banca del Giappone ha conquistato visibilità globale richiamandosi alla favola di Peter Pan, durante un intervento che altrimenti sarebbe con ogni probabilità rimasto confinato alla stampa specialistica. "'Nel momento in cui smetti di credere che puoi volare - ha detto Haruhiko Kuroda citando l'eterno bambino - perdi per sempre il potere di farlo'. Sono sicuro che molti di voi conoscono questa frase di Peter Pan".

Kuroda stava parlando di politica monetaria ad un convegno a Tokyo. "Sì - ha proseguito - quello che ci serve è un atteggiamento positivo. Ogni volta che le Banche centrali si sono dovute confrontare con una ampia gamma di problemi, hanno trovato soluzioni innovative".

Due anni or sono Kuroda aveva conquistato molta visibilità globale portando avanti una aggressiva politica monetaria espansiva, su impulso del premier Shinzo Abe. Tuttavia i risultati si fanno attendere, di fatto non è ancora riuscito conseguire vittoria nella pluriennale battaglia del Giappone contro la debolezza dei prezzi e la deflazione. (fonte Afp)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari