giovedì 23 febbraio | 02:58
pubblicato il 09/dic/2014 13:50

Giappone, Fitch piazza rating A+ sotto analisi, possibile taglio

Decisione nel primo trimestre. Debito 2014 salirà a 241% Pil

Giappone, Fitch piazza rating A+ sotto analisi, possibile taglio

Roma, 9 dic. (askanews) - Fitch ha piazzato sotto analisi per possibile declassamento il rating del Giappone, che si attesta a "A+" a seguito del rinvio deciso dal governo di Shinzo Abe su alcune misure chiave di risanamento dei conti, in particolare l'aumento dell'Iva. Secondo l'agenzia questa decisione, presa in vista delle imminente elezioni anticipate vole proprio dal premier, rischia di compromettere gli obiettivi di aggiustamento delle finanze pubbliche su cui incombe il macigno del debito, destinato a raggiungere il 241 per cento del Pil a fine anno dal 184 per cento cui si attestava a fine 2008.

Con un comunicato, Fitch precisa che conta di prendere una decisione sul (Credit Watch) rating del Giappone entro il primo trimestre del prossimo anno, alla luce dei nuovi piano di bilancio e delle nuove previsioni economiche del governo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Alitalia
Alitalia, domani sciopero di 4 ore. Sindacati pronti a nuovi stop
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech